Chronology and Events

10 giugno 2001 09:11 0 commenti

Condividi questo articolo

Autore:


Italian Version

 

In the 50’s – Botulinum toxin properties in reducing muscular spasms were discovered

In the 60’s and 70’s – Studies on the use of Botulinum for strabismus treatment were carried out.

1989 – After approval by the Food and Drug Administration (FDA), Allergan Inc. introduced Botox for blepharospasm and strabismus treatment.

2000 – FDA approved Botox use in the treatment of cervical dystonia.

April 15, 2002 – After a study conducted on 405 patients (while further 132 patients were treated with placebo, for a total number of 537 patients involved), FDA approved the cosmetic use of Botox for glabellar wrinkles.

February 2003 – Irena Medavoy filed an action against Allergan and dr. Arnold Klein for the adverse reactions she underwent (muscular problems) after Botox injections. The verdict acquitted Allergan

From 2003 to 2010 Botox consumers (both cosmetic and non cosmetic botox) exchanged on forums of various kind information about their experiences in relation to adverse effects (See annex A, forum).
2004 – FDA approved Botox use in the treatment of excessive perspiration (hyperhydrosis).

January 23, 2008 – Public Citizen, an association that assembles more than 100,000 American consumers, issued a notice listing the adverse effects cases submitted to the FDA between  November 1, 1997 and December 31, 2006: 180 serious side effects including 16 deaths (See annex B).

April 2, 2008 – The Journal of Neuroscience publishes the article of dr. Matteo Caleo from the Neuroscience Institute of CNR (the Italian National Research Center) in Pisa, on the spread of the Botulinum toxin and possible alteration of neural circuits.

2008 – FDA rebuked Allergan Inc. asking the Company to include clear warnings on adverse effects in Botox information leaflets. The decision of the FDA arrived months after the Public Citizen’s notice, but for the Administration the cases involved would be even more: as at March 20, 2008 the reports would amount to 225.

2008 – Health Canada issued a warning on the potential risks of Botox and Allergan was compelled to communicate to the Authority further information on Botox and Botox Cosmetic.

February 8,  2009 – FDA required that all Botulinum toxin makers add specific “boxed warnings”, highlighting the risk of adverse effects connected to the spread of the toxin from the site of injection. In the FDA vocabulary, such “boxed warnings” are restricted to drugs involving serious, potentially life-threatening side effects. FDA also announced it would send a letter to all injectable Botulinum toxin producers, asking them to warn in writing the doctors using the toxin and to prepare Medication Guides to be dispensed to patients by the physician when the drug is injected.

September 2009 – Dr. Ivan Goldsmith promoted a class action suit against Allergan Inc. for the Company’s suggestions to physicians in the use of Botox: “off-label” use was promoted (using drugs off-label means that they are prescribed for conditions which have never been approved by the Authority ), at higher dosage than allowed, together with the possibility of reusing the same vial for different patients, with potential risk of HIV infection and the onset of other problems.

March 2010 – Allergan won the case against the parents of a little girl suffering from cerebral palsy and whose death was suspected to be caused by Botox therapeutic use (injections to relax limbs) in 2007.

May 14, 2010 – A maxi verdict for damages was obtained in the U.S. against Allergan Inc. For the first time the risks and damages connected to Botulinum use in leveling wrinkles were recognized by a jury announcing a record-setting $15 million verdict for damages to refund a 47-year-old woman, Sharla Helton, gynecologist, who declared that after receiving Botox injections in 2006 she had been suffering for years from double vision, continuous pain in her arms, hands and feet and breathing difficulties, thus becoming seriously ill and losing her job later on. A jury in Oklahoma sentenced Allergan Inc. to pay $15 million to dr. Helton for damages deriving from negligence, as the complete list of Botox potential side effects was not reported on medicine box..

July 2010 – The United Kingdom authorized the use of Botox Cosmetics in the treatment of migraine.

September 3, 2010 – Allergan Inc, the Botox producing company,  will pay a maxi penalty of $600 million to the American Government for having promoted the improper use of the toxin between 2000 and 2005. (See annex G ).

September 20, 2010 – Allergan closed with an out-of-Court settlement the pending lawsuit concerning the death of Sondra Bryant, a woman who died after receiving Botox injections (100 units) to treat shoulder pains.
October 6, 2010 – The district Court of Atlanta, Georgia, ratified the agreement between Allergan Inc. and the American Justice Department after investigations into Botox. The terms of the agreement include Allargan admission of guilt, a criminal sanction of $375 million and a civil agreement with the federal government of $225 million, admission that beside promoting an off-label use of the drug the Company gave instructions to doctors on how to falsify claims in order to deceive the Government and obtain funding for non authorized applications of the drug.

The famous Botox producer will pay a maxi penalty to the American Government, $600 million, for promotion of improper use of the drug between 2000 and 2005. Allergan  – the company producing and commercializing the famous drug that can “paralyze” wrinkles once injected – admits it has led promotional campaigns for the sale and the use of botox for a series of treatments that have never been approved by the Food and Drug Administration (FDA).  Among the most common improper uses sponsored for the drug, which, according to public health experts, is even the most dangerous – there is the utilization of botox to treat the spasms caused by cerebral palsy in children. As to this specific point, the FDA received a series of reports concerning serious side effects in children treated with the drug, from breathing difficulties to suspicious death cases.

The lawsuit against Allergan is the last example of a campaign organized by the American Justice Department to crackdown on illegal and fraudulent drug promotion by pharmaceutical companies. In the lawsuit filed by the Government against Allergan Inc., the government’s civil complaint said that Allergan had “illegally, vigorously and, without any thought to the possible negative health effects to which it subjected patients, promoted” –  Botox for uses that had not been deemed safe and effective by the FDA.. According to the complaint,  the company also developed and put in place a wide-ranging marketing program, that included paying kickbacks to doctors to induce them to prescribe Botox for conditions not included in the drug’s label, and bribing foreign officers to have them run similar misbranding across the Atlantic. In the settlement, Allergan agreed to plead guilty to only few misdemeanors, but accepted to pay a reimbursement of $600 million and to publish the names of the doctors who had received money.

October 2010 – FDA approved Botox use in the treatment of muscle problems, upper limbs spasticity and chronic migraine.

Lascia il tuo commentoPer lasciare un commento devi essere un utente registrato. Clicca qui


Altre news

  • News Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Scoperta la strategia attraverso la quale la tossina batterica che causa il botulismo entra in circolo dopo essere stata assorbita dalla mucosa intestinale. Lo ha annunciato un nuovo studio della Irvine School of Medicine dell’Università della California.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Come molte altre donne, Frankie Waring era convinta che avrebbe potuto contare sul Botox per tenere le rughe a bada. Per questo motivo, quando all’età di 24 anni, la giovane ha iniziato ad avere le prime rughe tra fronte e sopracciglia – come conseguenza, secondo i suoi sospetti, dell’esposizione della pelle agli elementi durante la passeggiate a cavallo – Frankie non ha avuto alcuna esitazione.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Il botulino è uno dei farmaci più utilizzati dalla medicina estetica per la riduzione delle rughe e delle linee del viso. Le donne che si sottopongono a iniezioni regolari della tossina botulinica per eliminare i segni del tempo sarebbero più inclini a cadere in depressione, e ciò sarebbe dovuto all’impossibilità di poter sorridere correttamente. Il trattamento infatti, inibisce temporaneamente alcuni muscoli del viso, interrompendo i segnali inviati al cervello quando ci sentiamo felici e vogliamo sorridere. Queste sono le conclusioni […]

    Leggi il seguito →
  • News Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Di Kelly Soderlund, ADA News Boston – I dentisti del Massachusetts possono somministrare Botox e filler ai pazienti come parte del loro trattamento odontoiatrico, a seguito di una nuova politica di regolamentazione dello stato. Il Consiglio di Registrazione in Odontoiatria del Massachusetts ha approvato la politica all’unanimità il 6 marzo, unendosi ad almeno altri 20 stati che hanno affrontato la questione della somministrazione da parte di dentisti della tossina botulinica, il nome clinico per ciò che è comunemente noto come […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Lo studio dell’Università di Cardiff. Le punturine ‘surgelano’ i muscoli della faccia e impediscono i movimenti spontanei. In questo modo ‘tagliano’ quei segnali che arrivano al cervello quando ridiamo e ci sentiamo più felici. Una scoperta che non piacerà alle star di Hollywood botulino-dipendenti CONTRORDINE anche se regala  l’illusione di essere più giovani e belli, il botox potrebbe farci deprimere. Le signore che scelgono le famose iniezioni per sbarazzarsi di qualche rughetta hanno più possibilità di ammalarsi di depressione. Il […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) a febbraio hanno diffuso una comunicazione relativa ai rischi associati all’uso off-label di NeuroBloc (la tossina botulinica di tipo B).

    In sintesi la nota informativa avvisa che NeuroBloc (tossina botulinica di tipoB) è indicato esclusivamente per il trattamento della distonia cervicale (torcicollo) negli adulti.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Di Margaret Cronin Fisk – February 26, 2013 02:56 ET Allergan Inc. (AGN) ha raggiunto durante il processo un accordo confidenziale con la madre di un bambino di 6 anni dell’Oklahoma che respira grazie ad un respiratore artificale dopo che gli è stato iniettato del Botox. La madre di Jackson Wells ha dichiarato che l’iniezione, effettuata per il trattamento della spasticità nelle gambe, ha causato lo sviluppo del botulismo acuto, rendendolo incapace di respirare da solo. Jessica Wells ha anche […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Il problema della calvizie è in costante aumento, a dimostrarlo il crescente ricorso a trattamenti anti caduta e la sempre maggior richiesta di trapianti. Si è lungamente parlato di diverse cause che portano alla perdita di capelli: ereditarietà, carenze alimentari, stress, problemi ormonali o medicinali, infezioni, ma sinora pochi hanno puntato il dito sull’impiego del botox.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Che bella quella ruga

    Che bella quella ruga

    La bellezza non è un viso liscio e senza rughe a tutti i costi. Il più grande errore è proprio quello di pensare a un’immagine della bellezza standard e uniforme, di pensare che un viso a 50-60 armi debba essere come quello di 20-30 anni. Perché ogni età può e deve avere una sua bellezza. E questo è possibile se impariamo a scoprire e valorizzare le caratteristiche e i segni che appartengono a ogni età della nostra vita.

    Leggi il seguito →
  • News Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Milano, 14 novembre 2012 – Nell’ambito della manifestazione BookCity Milano, in programma nel capoluogo lombardo dal 16 al 18 novembre, sabato 17, alle ore 11, presso l’Università Statale Ca’ Granda – Aula Milani in via Festa del Perdono 7, il Prof. Antonino di Pietro, dermatologo e presidente fondatore di ISPLAD, presenterà il suo libro “Botulin Free – Tutta la verità sulle iniezioni antirughe: come restare giovani senza rischiare bellezza e salute” edito da Sperling & Kupfer.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    In un recente congresso di Medicina Estetica, svoltosi a Milano, sono stati riportati i dati di una indagine fatta sulle terapie antiaging più richieste nell’ultimo anno e, a sorpresa, risulta che il botulino (iniettato come antirughe) è sceso dal primo al terzo posto nelle preferenze degli italiani.

    Leggi il seguito →
  • News Botox e Insonnia

    Botox e Insonnia

    Uno studio mondiale sull’Insonnia tra le persone che utilizzano il Botox. Lo studio è stato condotto da eHealthMe ed è basato su 126 report dell’FDA e di persone.  In totale sono stati esaminati 12.604 utilizzatori del Botox. Su eHealthMe, è possibile verificare 40 milioni di effetti collaterali, interazioni farmacologiche,riportati da 6 milioni di persone dal 1977. Tutti gli studi sono personalizzati per sesso ed età e per effetti del farmaco a lungo termine. Che cosa è il Botox Il Botox […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    Milano, 15 ottobre 2012 – “Ancora una volta devo constatare che si parla della tossina botulinica in modo impreciso e fuori dalle coordinate che dovrebbero essere seguite quando si parla di un farmaco e che sono state sottolineate, anche recentemente, dall’AIFA” – queste le affermazioni di Antonino Di Pietro nel leggere il comunicato stampa in occasione della presentazione del 14° congresso internazionale di medicina Estetica che si aprirà nei prossimi giorni a Milano. “Una comunicazione scorretta che fa ancora riferimento […]

    Leggi il seguito →
  • News L’illusione del Botox

    L’illusione del Botox

    Da qualche anno la tossina botulinica viene utilizzata anche per trattare cefalee ed emicranie: una terapia nata quasi per caso, quando si è visto che i pazienti che si sottoponevano a iniezioni di botox per ragioni estetiche erano meno soggetti a mal di testa. A conti fatti però si tratta di un vantaggio molto limitato.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Brani dal libro “Botulin Free”

    Brani dal libro “Botulin Free”

    Mi sono chiesto quale forza mi stesse trascinando a scrivere un libro così scomodo, capace di attirarmi antipatie tanto nella comunità medica quanto in quella farmaceutica.

    Ho trovato molte motivazioni di natura etica e professionale, ma quella più pressante è stata il disagio che negli ultimi anni vivo nel mio ruolo di medico: non riesco più a rassegnarmi al silenzio.

    Leggi il seguito →