Il Botox cura la depressione?

27 maggio 2006 14:53 0 commenti

di Mark Dombeck, Ph. D.

Ieri, mentre guardavo la televisione (Good Morning America), ho visto che delle persone che si occupano di marketing hanno indicato il botox (la tossina iniettabile che rilassa/paralizza i muscoli facciali, con conseguente minor visibilità delle rughe del viso) come una nuova cura per la depressione. Non ho ancora visto il comunicato stampa sul quale si basa questa notizia, ma sento il bisogno di dire che questo annuncio mi sembra sospetto, ma anche ragionevole, allo stesso tempo. Mi spiego meglio.

Non sono scioccato dal fatto che ci sia qualche relazione tra la paralisi facciale e una diminuzione di emotività. E’ noto da anni che esiste una relazione tra la quantità di passione e intensità delle emozioni che qualcuno può esprimere e paralisi. Le persone che diventano paralizzate presumibilmente vivono una diminuzione di intensità delle emozioni. Io non l’ho provato personalmente, quindi non posso rivendicarlo in prima persona, ma ho letto da qualche parte di questo anni fa. Se mi preme spiegare perché questo effetto può verificarsi, io parlerei di feedback. La parola “movimento” non è incorporato nell’idea di emozione per nulla. L’espressione fisica del corpo e del viso è una parte vitale di ciò che significa essere emotivo. Quando si è emotivi, il tuo corpo si muove, e il feedback di questo movimento viene comunicato al cervello, amplificando l’esperienza dell’emozione. Quando si è arrabbiati, si tende ad agitare le mani verso l’alto e il basso e a stringere il pugno. Quando si è tristi, si tende ad aggrottare le sopracciglia e a piangere e stringere le mani. Più si compiono questi movimenti legati alle emozioni, più l’esperienza di quella particolare emozione è forte.

I trattamenti con Botox riducono le rughe del viso paralizzando i muscoli facciali. Ciò naturalmente riduce la capacità di una persona di produrre il comportamento mimico facciale, e tale riduzione di emozioni facciali potrebbe in teoria bloccare ogni capacità di amplificazione delle espressioni facciali, con conseguente affievolimento dell’emotività espressa. “Potrebbe” è la parola chiave qui. Io non so questo per certo. Sto dando questa spiegazione basandomi su ciò che ho letto.

C’è una grande distanza tra questo tipo di blocco e un ragionevole trattamento della depressione. La depressione, in particolare quando è grave e cronica, è una malattia intensa e brutale che coinvolge tutti gli aspetti della vita, e che può essere letale se non curata (ad esempio, il rischio di suicidio). Non è del tutto chiaro se il blocco dei messaggi della muscolatura del viso che tornano al cervello può essere un trattamento sufficiente per la depressione grave (anche se potrebbe essere un buon trattamento aggiuntivo, forse, se questo effetto si ripete).

Anche se le iniezioni facciali di Botox si sono dimostrate un buon trattamento per ridurre i sintomi della depressione, il meglio che possono offrire a qualcuno è quello di ridurre la quantità di depressione che qualcuno può provare. Questa non è come aumentare la quantità di gioia che può provare. Se il botox cura la depressione, probabilmente cura anche la gioia, mi viene da pensare. Entrambe le emozioni producono caratteristiche espressioni facciali, e il botox le bloccherebbe allo stesso modo, bloccando così qualsiasi tipo di emozione con risvolti sulle espressioni facciali. L’effetto complessivo sarebbe qualcosa di più simile a una sorta di neutrale piattezza emotiva. Non si tratta esattamente di un buon effetto per i soggetti non-depressi che usano il botox come procedura estetica. Posso solo immaginare l’etichetta adesiva delle avvertenze: “Attenzione: il botox sopprime le emozioni intense di qualsiasi tipo. Non è sicuro farne uso prima del matrimonio di vostra figlia o altre occasioni felici».

Esistono anche altri problemi. Forse la spiegazione che ho dato sopra è sbagliata. Forse le persone che fanno uso di botox si sentono meno depresse, mostrano meno sintomi di depressione dopo aver usato il botox perché erano depresse per il proprio aspetto, e l’utilizzo del prodotto riduce le rughe, facendoli sentire meglio. Forse il semplice fatto di sottoporsi ad un trattamento cosmetico li fa sentire che hanno maggior controllo sulla propria vita, e questo li aiuta a sentirsi meno depressi. C’è un sacco di lavoro che dovrà essere fatto sulle vere cause alla base di questo strano effetto anti-depressione che il botox sembra avere prima che sia ragionevole il suo utilizzo con scopo antidepressivo.

Tuttavia, se questo effetto è reale, se si potrà dire che il botox è in grado di smorzare l’intensità della depressione, allora questo sarebbe un risultato davvero affascinante e utile. Uno di quegli effetti scoperti per sbaglio ma che cambiano tutto.

– Mark Dombeck, Ph. D. è stato direttore di Net Guida Mentale dal 1999 al 2011 –

>> LEGGI L’ARTICOLO ORIGINALE

Lascia il tuo commentoPer lasciare un commento devi essere un utente registrato. Clicca qui


Altre news

  • News Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Scoperta la strategia attraverso la quale la tossina batterica che causa il botulismo entra in circolo dopo essere stata assorbita dalla mucosa intestinale. Lo ha annunciato un nuovo studio della Irvine School of Medicine dell’Università della California.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Come molte altre donne, Frankie Waring era convinta che avrebbe potuto contare sul Botox per tenere le rughe a bada. Per questo motivo, quando all’età di 24 anni, la giovane ha iniziato ad avere le prime rughe tra fronte e sopracciglia – come conseguenza, secondo i suoi sospetti, dell’esposizione della pelle agli elementi durante la passeggiate a cavallo – Frankie non ha avuto alcuna esitazione.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Il botulino è uno dei farmaci più utilizzati dalla medicina estetica per la riduzione delle rughe e delle linee del viso. Le donne che si sottopongono a iniezioni regolari della tossina botulinica per eliminare i segni del tempo sarebbero più inclini a cadere in depressione, e ciò sarebbe dovuto all’impossibilità di poter sorridere correttamente. Il trattamento infatti, inibisce temporaneamente alcuni muscoli del viso, interrompendo i segnali inviati al cervello quando ci sentiamo felici e vogliamo sorridere. Queste sono le conclusioni […]

    Leggi il seguito →
  • News Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Di Kelly Soderlund, ADA News Boston – I dentisti del Massachusetts possono somministrare Botox e filler ai pazienti come parte del loro trattamento odontoiatrico, a seguito di una nuova politica di regolamentazione dello stato. Il Consiglio di Registrazione in Odontoiatria del Massachusetts ha approvato la politica all’unanimità il 6 marzo, unendosi ad almeno altri 20 stati che hanno affrontato la questione della somministrazione da parte di dentisti della tossina botulinica, il nome clinico per ciò che è comunemente noto come […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Lo studio dell’Università di Cardiff. Le punturine ‘surgelano’ i muscoli della faccia e impediscono i movimenti spontanei. In questo modo ‘tagliano’ quei segnali che arrivano al cervello quando ridiamo e ci sentiamo più felici. Una scoperta che non piacerà alle star di Hollywood botulino-dipendenti CONTRORDINE anche se regala  l’illusione di essere più giovani e belli, il botox potrebbe farci deprimere. Le signore che scelgono le famose iniezioni per sbarazzarsi di qualche rughetta hanno più possibilità di ammalarsi di depressione. Il […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) a febbraio hanno diffuso una comunicazione relativa ai rischi associati all’uso off-label di NeuroBloc (la tossina botulinica di tipo B).

    In sintesi la nota informativa avvisa che NeuroBloc (tossina botulinica di tipoB) è indicato esclusivamente per il trattamento della distonia cervicale (torcicollo) negli adulti.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Di Margaret Cronin Fisk – February 26, 2013 02:56 ET Allergan Inc. (AGN) ha raggiunto durante il processo un accordo confidenziale con la madre di un bambino di 6 anni dell’Oklahoma che respira grazie ad un respiratore artificale dopo che gli è stato iniettato del Botox. La madre di Jackson Wells ha dichiarato che l’iniezione, effettuata per il trattamento della spasticità nelle gambe, ha causato lo sviluppo del botulismo acuto, rendendolo incapace di respirare da solo. Jessica Wells ha anche […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Il problema della calvizie è in costante aumento, a dimostrarlo il crescente ricorso a trattamenti anti caduta e la sempre maggior richiesta di trapianti. Si è lungamente parlato di diverse cause che portano alla perdita di capelli: ereditarietà, carenze alimentari, stress, problemi ormonali o medicinali, infezioni, ma sinora pochi hanno puntato il dito sull’impiego del botox.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Che bella quella ruga

    Che bella quella ruga

    La bellezza non è un viso liscio e senza rughe a tutti i costi. Il più grande errore è proprio quello di pensare a un’immagine della bellezza standard e uniforme, di pensare che un viso a 50-60 armi debba essere come quello di 20-30 anni. Perché ogni età può e deve avere una sua bellezza. E questo è possibile se impariamo a scoprire e valorizzare le caratteristiche e i segni che appartengono a ogni età della nostra vita.

    Leggi il seguito →
  • News Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Milano, 14 novembre 2012 – Nell’ambito della manifestazione BookCity Milano, in programma nel capoluogo lombardo dal 16 al 18 novembre, sabato 17, alle ore 11, presso l’Università Statale Ca’ Granda – Aula Milani in via Festa del Perdono 7, il Prof. Antonino di Pietro, dermatologo e presidente fondatore di ISPLAD, presenterà il suo libro “Botulin Free – Tutta la verità sulle iniezioni antirughe: come restare giovani senza rischiare bellezza e salute” edito da Sperling & Kupfer.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    In un recente congresso di Medicina Estetica, svoltosi a Milano, sono stati riportati i dati di una indagine fatta sulle terapie antiaging più richieste nell’ultimo anno e, a sorpresa, risulta che il botulino (iniettato come antirughe) è sceso dal primo al terzo posto nelle preferenze degli italiani.

    Leggi il seguito →
  • News Botox e Insonnia

    Botox e Insonnia

    Uno studio mondiale sull’Insonnia tra le persone che utilizzano il Botox. Lo studio è stato condotto da eHealthMe ed è basato su 126 report dell’FDA e di persone.  In totale sono stati esaminati 12.604 utilizzatori del Botox. Su eHealthMe, è possibile verificare 40 milioni di effetti collaterali, interazioni farmacologiche,riportati da 6 milioni di persone dal 1977. Tutti gli studi sono personalizzati per sesso ed età e per effetti del farmaco a lungo termine. Che cosa è il Botox Il Botox […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    Milano, 15 ottobre 2012 – “Ancora una volta devo constatare che si parla della tossina botulinica in modo impreciso e fuori dalle coordinate che dovrebbero essere seguite quando si parla di un farmaco e che sono state sottolineate, anche recentemente, dall’AIFA” – queste le affermazioni di Antonino Di Pietro nel leggere il comunicato stampa in occasione della presentazione del 14° congresso internazionale di medicina Estetica che si aprirà nei prossimi giorni a Milano. “Una comunicazione scorretta che fa ancora riferimento […]

    Leggi il seguito →
  • News L’illusione del Botox

    L’illusione del Botox

    Da qualche anno la tossina botulinica viene utilizzata anche per trattare cefalee ed emicranie: una terapia nata quasi per caso, quando si è visto che i pazienti che si sottoponevano a iniezioni di botox per ragioni estetiche erano meno soggetti a mal di testa. A conti fatti però si tratta di un vantaggio molto limitato.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Brani dal libro “Botulin Free”

    Brani dal libro “Botulin Free”

    Mi sono chiesto quale forza mi stesse trascinando a scrivere un libro così scomodo, capace di attirarmi antipatie tanto nella comunità medica quanto in quella farmaceutica.

    Ho trovato molte motivazioni di natura etica e professionale, ma quella più pressante è stata il disagio che negli ultimi anni vivo nel mio ruolo di medico: non riesco più a rassegnarmi al silenzio.

    Leggi il seguito →