Botulino: c’è chi ha chiesto i danni

9 luglio 2010 09:17 0 commenti

Condividi questo articolo

Autore:

Il verdetto di una giuria americana, che ha condannato una potente ditta produttrice dello “spiana rughe” più famoso del mondo, ha acceso ancora una volta la polemica sull’utilizzo di questo farmaco antietà.

In questi giorni, negli Stati Uniti, c’è una persona che sta conquistando più copertine del presidente Barack Obama e della moglie Michelle. Il suo nome è Sharla Hellton, ha 48 anni e vive a Oklahoma City, dove fa la ginecologa. Lei è la prima donna a vincere una causa contro il colosso farmaceutico che produce un farmaco a base di botulino. La sua vicenda ha di nuovo riacceso i riflettori sull’uso della tossina botulinica in chirurgia estetica, tanto che anche il ministero della salute italiano ha annunciato nuovi studi e valutazioni.

IL FATTO: 15 MILIONI DI DOLLARI DI RISARCIMENTO
Nel 2006 l’americana Sharla Helton si sottopone ad alcune iniezioni di botox per dire addio alle rughe sulla fronte. Dopo un po’, iniziano i problemi: la donna fatica a respirare, mani e piedi si indolenziscono e non riesce più a camminare. Sintomi così forti da costringerla a lasciare il lavoro e a consultare diversi medici. La diagnosi non lascia dubbi: Sharla ha il botulismo, malattia in genere causata dai cibi che contengono la tossina del Clostridium botolinum, la stessa usata per produrre il farmaco estetico. Quindi fa causa alla multinazionale che produce il medicinale, convinta che questo le abbia causato il botulismo. Pochi giorni fa, il verdetto. I giurati hanno condannato l’azienda per “negligenza”, perché non ha rivelato nel foglietto illustrativo che il trattamento può avere effetti collaterali e può causare la malattia, e hanno ordinato un risarciemento. Negli USA la sentenza ha destato scalpore, perché per la prima volta una giuria si è schierata contro questa ditta. “Ora è chiaro” ha dichiarato l’avvocato. “Si deve andare cauti sull’uso della tossina botulinica. Chi ha avuto problemi, avrà il coraggio di parlarne”. L’azienda ha già annunciato che farà ricorso. “Il botox non causa botulismo” dicono i portavoce. “E la sentenza è incompatibile con le evidenze scientifiche sul farmaco”.

LA PUNTURINA CHE “TIRA” I MUSCOLI
Sono le rughe che tormentano le donne di tutte le età. Parliamo di quelle che si formano sopra la fronte, le più visibili e marcate perché legate alle espressioni del volto. Proprio su queste interviene il botulino. In pratica si inietta con un ago la tossina botulinica direttamente nella zona centrale della fronte (i muscoli della glabella). La sostanza li paralizza, così i muscoli non si corrugano più e quelli ai lati “tirano” tutta la zona. Il risultato? La parte appare liscia, distesa, senza solchi e segni.

Una tossina prodotta da un batterio
Botulino o botox?
Quando si parla di medicina estetica queste due parole sono spesso protagoniste. Ma non sono affatto sinonime.
Il botulino è l’espressione più comune per indicare la tossina botulinica, ovvero una tossina prodotta da un batterio, il Clostridium botulinum, che può contaminare le conserve prodotte male.

Questa è una sostanza molto pericolosa, perché agisce paralizzando i muscoli. In pratica, impedisce la trasmissione dell’impulso nervoso ai muscoli, che così si bloccano. La conseguenza è il botulismo, una malattia che provoca la paralisi respiratoria.

Il botox, invece, è un marchio, il nome commerciale del farmaco, che si ottiene dalla tossina botulinica e che da anni viene usato in  medicina estetica per cancellare le rughe d’espressione e d’età.

L’ESPERTO

“Serve massima cautela”
Il botulino è davvero pericoloso? Dopo la sentenza americana ne parliamo con il professor Antonino Di Pietro, dermatologo.

Che cosa ne pensa del verdetto americano?
Spero che sia un primo passo per fare chiarezza. Negli ultimi anni, la “punturina” è diventata una moda, una mania. Ma in questo modo si sottovalutano tutti i rischi connessi. Non volgio fare il moralista: sentirsi belle e giovani è sempre lecito, ma quando si parla di salute non bisogna minimizzare le conseguenze.

La tossina botulinica può essere pericolosa?
E’ un farmaco. E qualsiasi farmaco può avere degli effetti collaterali, nessuno escluso. Prima di tutto, allora, bisogna rivolgersi esclusivamente a medici esperti e fare le iniezioni solo ai muscoli frontali. E non esagerare mai con le dosi. Anche se non è così semplice. Non tutti sanno infatti che questo prodotto dà assuefazione: l’organismo crea anticorpi contro la tossina che, per dare l’effetto lifting, deve poi essere usata in quantità sempre più elevate. Insomma, chi fa tanti trattamenti, deve aumentare man mano le dosi e questo può essere problematico.

Anche il ministero della Salute ha aperto un’indagine…
Sì, anche perché basta fare due chiacchiere tra amiche per scoprire che questi trattamenti sono sottovalutati. Si fanno in pausa pranzo o nel centro estetico, anche se è illegale. Tra l’altro si è sempre detto che eventuali problemi sono legati solo a un errore quando si fa la puntura. Invece, non è solo questo negli ultimi mesi uno studio del Cnr di Pisa lo ha dimostrato. Gli scienziati hanno iniettato la tossina in alcuni topolini e hanno visto che arriva al cervello, attraverso il sistema nervoso, mentre prima si riteneva che la sostanza si muovesse solo nei vasi sanguigni e non giungesse mai al cervello. Questo vuol dire che, probabilmente, il prodotto è più complesso e meno sicuro di quel che si immagina. Di conseguenza serve il massimo rigore quando lo si usa.

Di Flora Casalinuovo

Lascia il tuo commentoPer lasciare un commento devi essere un utente registrato. Clicca qui


Altre news

  • News Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Scoperta la strategia attraverso la quale la tossina batterica che causa il botulismo entra in circolo dopo essere stata assorbita dalla mucosa intestinale. Lo ha annunciato un nuovo studio della Irvine School of Medicine dell’Università della California.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Come molte altre donne, Frankie Waring era convinta che avrebbe potuto contare sul Botox per tenere le rughe a bada. Per questo motivo, quando all’età di 24 anni, la giovane ha iniziato ad avere le prime rughe tra fronte e sopracciglia – come conseguenza, secondo i suoi sospetti, dell’esposizione della pelle agli elementi durante la passeggiate a cavallo – Frankie non ha avuto alcuna esitazione.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Il botulino è uno dei farmaci più utilizzati dalla medicina estetica per la riduzione delle rughe e delle linee del viso. Le donne che si sottopongono a iniezioni regolari della tossina botulinica per eliminare i segni del tempo sarebbero più inclini a cadere in depressione, e ciò sarebbe dovuto all’impossibilità di poter sorridere correttamente. Il trattamento infatti, inibisce temporaneamente alcuni muscoli del viso, interrompendo i segnali inviati al cervello quando ci sentiamo felici e vogliamo sorridere. Queste sono le conclusioni […]

    Leggi il seguito →
  • News Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Di Kelly Soderlund, ADA News Boston – I dentisti del Massachusetts possono somministrare Botox e filler ai pazienti come parte del loro trattamento odontoiatrico, a seguito di una nuova politica di regolamentazione dello stato. Il Consiglio di Registrazione in Odontoiatria del Massachusetts ha approvato la politica all’unanimità il 6 marzo, unendosi ad almeno altri 20 stati che hanno affrontato la questione della somministrazione da parte di dentisti della tossina botulinica, il nome clinico per ciò che è comunemente noto come […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Lo studio dell’Università di Cardiff. Le punturine ‘surgelano’ i muscoli della faccia e impediscono i movimenti spontanei. In questo modo ‘tagliano’ quei segnali che arrivano al cervello quando ridiamo e ci sentiamo più felici. Una scoperta che non piacerà alle star di Hollywood botulino-dipendenti CONTRORDINE anche se regala  l’illusione di essere più giovani e belli, il botox potrebbe farci deprimere. Le signore che scelgono le famose iniezioni per sbarazzarsi di qualche rughetta hanno più possibilità di ammalarsi di depressione. Il […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) a febbraio hanno diffuso una comunicazione relativa ai rischi associati all’uso off-label di NeuroBloc (la tossina botulinica di tipo B).

    In sintesi la nota informativa avvisa che NeuroBloc (tossina botulinica di tipoB) è indicato esclusivamente per il trattamento della distonia cervicale (torcicollo) negli adulti.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Di Margaret Cronin Fisk – February 26, 2013 02:56 ET Allergan Inc. (AGN) ha raggiunto durante il processo un accordo confidenziale con la madre di un bambino di 6 anni dell’Oklahoma che respira grazie ad un respiratore artificale dopo che gli è stato iniettato del Botox. La madre di Jackson Wells ha dichiarato che l’iniezione, effettuata per il trattamento della spasticità nelle gambe, ha causato lo sviluppo del botulismo acuto, rendendolo incapace di respirare da solo. Jessica Wells ha anche […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Il problema della calvizie è in costante aumento, a dimostrarlo il crescente ricorso a trattamenti anti caduta e la sempre maggior richiesta di trapianti. Si è lungamente parlato di diverse cause che portano alla perdita di capelli: ereditarietà, carenze alimentari, stress, problemi ormonali o medicinali, infezioni, ma sinora pochi hanno puntato il dito sull’impiego del botox.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Che bella quella ruga

    Che bella quella ruga

    La bellezza non è un viso liscio e senza rughe a tutti i costi. Il più grande errore è proprio quello di pensare a un’immagine della bellezza standard e uniforme, di pensare che un viso a 50-60 armi debba essere come quello di 20-30 anni. Perché ogni età può e deve avere una sua bellezza. E questo è possibile se impariamo a scoprire e valorizzare le caratteristiche e i segni che appartengono a ogni età della nostra vita.

    Leggi il seguito →
  • News Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Milano, 14 novembre 2012 – Nell’ambito della manifestazione BookCity Milano, in programma nel capoluogo lombardo dal 16 al 18 novembre, sabato 17, alle ore 11, presso l’Università Statale Ca’ Granda – Aula Milani in via Festa del Perdono 7, il Prof. Antonino di Pietro, dermatologo e presidente fondatore di ISPLAD, presenterà il suo libro “Botulin Free – Tutta la verità sulle iniezioni antirughe: come restare giovani senza rischiare bellezza e salute” edito da Sperling & Kupfer.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    In un recente congresso di Medicina Estetica, svoltosi a Milano, sono stati riportati i dati di una indagine fatta sulle terapie antiaging più richieste nell’ultimo anno e, a sorpresa, risulta che il botulino (iniettato come antirughe) è sceso dal primo al terzo posto nelle preferenze degli italiani.

    Leggi il seguito →
  • News Botox e Insonnia

    Botox e Insonnia

    Uno studio mondiale sull’Insonnia tra le persone che utilizzano il Botox. Lo studio è stato condotto da eHealthMe ed è basato su 126 report dell’FDA e di persone.  In totale sono stati esaminati 12.604 utilizzatori del Botox. Su eHealthMe, è possibile verificare 40 milioni di effetti collaterali, interazioni farmacologiche,riportati da 6 milioni di persone dal 1977. Tutti gli studi sono personalizzati per sesso ed età e per effetti del farmaco a lungo termine. Che cosa è il Botox Il Botox […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    Milano, 15 ottobre 2012 – “Ancora una volta devo constatare che si parla della tossina botulinica in modo impreciso e fuori dalle coordinate che dovrebbero essere seguite quando si parla di un farmaco e che sono state sottolineate, anche recentemente, dall’AIFA” – queste le affermazioni di Antonino Di Pietro nel leggere il comunicato stampa in occasione della presentazione del 14° congresso internazionale di medicina Estetica che si aprirà nei prossimi giorni a Milano. “Una comunicazione scorretta che fa ancora riferimento […]

    Leggi il seguito →
  • News L’illusione del Botox

    L’illusione del Botox

    Da qualche anno la tossina botulinica viene utilizzata anche per trattare cefalee ed emicranie: una terapia nata quasi per caso, quando si è visto che i pazienti che si sottoponevano a iniezioni di botox per ragioni estetiche erano meno soggetti a mal di testa. A conti fatti però si tratta di un vantaggio molto limitato.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Brani dal libro “Botulin Free”

    Brani dal libro “Botulin Free”

    Mi sono chiesto quale forza mi stesse trascinando a scrivere un libro così scomodo, capace di attirarmi antipatie tanto nella comunità medica quanto in quella farmaceutica.

    Ho trovato molte motivazioni di natura etica e professionale, ma quella più pressante è stata il disagio che negli ultimi anni vivo nel mio ruolo di medico: non riesco più a rassegnarmi al silenzio.

    Leggi il seguito →