L’altra faccia del botulino

14 aprile 2011 13:46 0 commenti

Condividi questo articolo

Autore:

Il farmaco, chiamato anche il “bisturi chimico”, per via del meccanismo d’azione, che inibisce la trasmissione dell’impulso nervoso ai muscoli, mettendoli a temporaneamente riposo, con effetti reversibili, è stato scoperto mentre si studiava una sostanza anti-strabismo. Infatti, oltre agli impieghi estetici, per correggere il “mio-aging”, che si palesa nelle rughe d’espressione, è conosciuto anche per quelli terapeutici, come appunto in caso di strabismo, spasmi o eccessiva sudorazione, con possibili utilizzi (più o meno) futuri, come in fatto di epilessia, emicrania, terapia del dolore, vaginismo.

Un veleno con proprietà paralizzanti

Il botulino è una neurotossina, ossia un potente veleno sintetizzato da un batterio, il Clostridium botulinum, conosciuto per le intossicazioni che provoca (botulismo) in seguito a conserve sterilizzate in modo inappropriato. Il microrganismo produce sette sierotipi diversi di tossina, designati con le lettere dell’alfabeto dalla A alla G. Il “tipo A” è stato il primo a essere utilizzato per scopi clinici. La tossina botulinica (BTX) viene purificata fino a ottenere micro-concentrazioni in grado di paralizzare parzialmente il muscolo nella zona dove è iniettata. L’azione della tossina si esplica a livello della giunzione neuromuscolare: interrompe la comunicazione tra cellula nervosa e cellula muscolare perché penetra nella terminazione nervosa bloccando il rilascio di acetilcolina, il neurotrasmettitore che porta l’impulso nervoso alla fibra muscolare. L’effetto dell’inoculazione del farmaco è transitorio: compare dopo 3-7 giorni e ha una durata variabile nel tempo, da 3 a 6 mesi. La metodica prevede un’unica seduta, mediante l’infiltrazione di una determinata dose di tossina nell’area stabilita (di norma in estetica da 2 a 4 unità per punto d’iniezione, fino a un massimo di 50, mentre in terapia si arriva a 100) e il trattamento non dura più di 20-30 minuti. Poiché si tratta di una paralisi transitoria e reversibile, la terapia va ripetuta periodicamente, alla ricomparsa dei sintomi, mentre il numero di sedute dipende dal tipo di disturbo e dalla risposta individuale alla terapia. In ogni caso, si tratti di uso clinico che estetico, la tossina btulinica deve essere somministrata esclusivamente da professionisti qualificati ed esperti, cioè che abbiano ricevuto un training specifico e che siano in grado di valutare il trattamento più appropriato, secondo le necessità e l’anatomia individuale. Solo così, il medico adeguatamente formato effettuerà il trattamento secondo gli standard professionali necessari, nella piena consapevolezza delle potenzialità e delle caratteristiche del farmaco, prodotto secondo le procedure di eccellenza garantite dal fornitore ufficiale, rilasciando al paziente, per ogni ciclo terapeutico, certificazione del principio attivo impiegato e del quantitativo totale iniettato espresso in Unità Internazionali.

Campi terapeutici d’applicazione

L’utilizzo più conosciuto della tossina botulinica (che comunque non è il principale) è quello estetico, per trattamenti anti-età volti alla riduzione delle rughe. Se ne sfruttano altresì le proprietà in vari settori per numerose patologie.

Neurologia S’inietta la tossina botulinica a livello dei muscoli diventati iperattivi a causa di patologie di diverso tipo. Nell’ambito dei disordini del movimento, la tossina botulinica è efficace nel trattamento di condizioni neurologiche caratterizzate da un’eccessiva contrazione del muscolo affetto, come nelle distonie focali e segmentali, tra cui blefarospasmo, distonia cervicale, distonia laringea, crampo dello scrivano. La tossina, riducendo il grado di contrazione, diminuisce i movimenti involontari, le posture patologiche e il dolore, spesso presente a livello del segmento muscolare affetto. Al fine di ottenere la massima efficacia e sicurezza, il trattamento deve essere effettuato da medici qualificati ed esperti. Tanto, che in taluni casi è persino necessario che il medico abbia esperienza in registrazioni elettromiografiche, esame che permette d’isolare in modo preciso il muscolo-bersaglio da raggiungere.

Ecco, nello specifico, l’utilizzo in alcuni disturbi neurologici.

Spasticità La tossina botulinica viene utilizzata in tutte quelle forme di spasticità che determinano disabilità gravi, con conseguente alterazione posturale e diminuzione della funzione motoria. È il caso della spasticità dei bambini, secondaria a paralisi cerebrali infantili, e della spasticità degli adulti, secondaria ad ictus cerebrale o a lesioni del midollo spinale e dell’encefalo.

Torcicollo spasmodico Una patologia neurologica, diversa dal classico disturbo causato da un colpo d’aria o dalla “cervicale”, caratterizzata dall’alterazione della contrazione dei muscoli agonisti e antagonisti, per cui il collo assume posture anomale e persistenti. In questo caso si utilizza la tossina per ridurre la contrazione dei muscoli, paralizzandoli parzialmente e temporaneamente.

Crampo dello scrivano e del musicista Si tratta di distonie “task-specifiche), relative cioè a un determinato compito, che comportano conseguentemente una significativa limitazione delle abituali attività lavorative. In questi casi l’alterata contrazione del muscolo colpisce ad esempio l’avambraccio, il polso o le dita, esclusivamente durante l’azione specifica, quindi non a riposo.

Oftalmologia Si utilizza la tossina botulinica per il trattamento dello strabismo (deviazione di allineamento degli assi visivi), del blefarospasmo essenziale (chiusura serrata delle palpebre per la contrazione involontaria del muscolo orbicolare) e di emispasmo facciale (in presenza di un occhio che si chiude forzatamente o di uno stiramento della bocca), generalmente conseguenza di lesioni del nervo facciale. Il farmaco è usato anche nell’esposizione della cornea, in cui è utilizzato come “tarsorrafia chimica” (chiusura protettiva temporanea delle palpebre).

Dermatologia L’applicazione terapeutica riguarda i casi di iperidrosi, malattia localizzata prevalentemente a livello di ascelle, mani e piedi, che si ritiene legata a fattori emotivi e ad alcune patologie (tra cui disordini del metabolismo, malattie febbrili, farmaci). Per curarla, esistono terapie sia mediche (tipo antitraspiranti, ionoforesi, anticolinergici) che chirurgiche (come il curettage con raschiamento delle ghiandole sudoripare). Le iniezioni multiple di tossina botulinica di tipo A (BTX-A) sono in grado di bloccare il rilascio di acetilcolina, il neurotrasmettitore che permette l’innervazione delle ghiandole sudoripare. Di norma, s’inietta su mani e ascelle (sui piedi è più dolorosa), con 20-25 microiniezioni per palmo o ascella, il cui effetto va dai 9 mesi per l’iperidrosi ascellare ai 6 per quella palmare.

(Fonte: www.antoninodipietro.it)

Lascia il tuo commentoPer lasciare un commento devi essere un utente registrato. Clicca qui


Altre news

  • News Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Scoperta la strategia attraverso la quale la tossina batterica che causa il botulismo entra in circolo dopo essere stata assorbita dalla mucosa intestinale. Lo ha annunciato un nuovo studio della Irvine School of Medicine dell’Università della California.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Come molte altre donne, Frankie Waring era convinta che avrebbe potuto contare sul Botox per tenere le rughe a bada. Per questo motivo, quando all’età di 24 anni, la giovane ha iniziato ad avere le prime rughe tra fronte e sopracciglia – come conseguenza, secondo i suoi sospetti, dell’esposizione della pelle agli elementi durante la passeggiate a cavallo – Frankie non ha avuto alcuna esitazione.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Il botulino è uno dei farmaci più utilizzati dalla medicina estetica per la riduzione delle rughe e delle linee del viso. Le donne che si sottopongono a iniezioni regolari della tossina botulinica per eliminare i segni del tempo sarebbero più inclini a cadere in depressione, e ciò sarebbe dovuto all’impossibilità di poter sorridere correttamente. Il trattamento infatti, inibisce temporaneamente alcuni muscoli del viso, interrompendo i segnali inviati al cervello quando ci sentiamo felici e vogliamo sorridere. Queste sono le conclusioni […]

    Leggi il seguito →
  • News Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Di Kelly Soderlund, ADA News Boston – I dentisti del Massachusetts possono somministrare Botox e filler ai pazienti come parte del loro trattamento odontoiatrico, a seguito di una nuova politica di regolamentazione dello stato. Il Consiglio di Registrazione in Odontoiatria del Massachusetts ha approvato la politica all’unanimità il 6 marzo, unendosi ad almeno altri 20 stati che hanno affrontato la questione della somministrazione da parte di dentisti della tossina botulinica, il nome clinico per ciò che è comunemente noto come […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Lo studio dell’Università di Cardiff. Le punturine ‘surgelano’ i muscoli della faccia e impediscono i movimenti spontanei. In questo modo ‘tagliano’ quei segnali che arrivano al cervello quando ridiamo e ci sentiamo più felici. Una scoperta che non piacerà alle star di Hollywood botulino-dipendenti CONTRORDINE anche se regala  l’illusione di essere più giovani e belli, il botox potrebbe farci deprimere. Le signore che scelgono le famose iniezioni per sbarazzarsi di qualche rughetta hanno più possibilità di ammalarsi di depressione. Il […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) a febbraio hanno diffuso una comunicazione relativa ai rischi associati all’uso off-label di NeuroBloc (la tossina botulinica di tipo B).

    In sintesi la nota informativa avvisa che NeuroBloc (tossina botulinica di tipoB) è indicato esclusivamente per il trattamento della distonia cervicale (torcicollo) negli adulti.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Di Margaret Cronin Fisk – February 26, 2013 02:56 ET Allergan Inc. (AGN) ha raggiunto durante il processo un accordo confidenziale con la madre di un bambino di 6 anni dell’Oklahoma che respira grazie ad un respiratore artificale dopo che gli è stato iniettato del Botox. La madre di Jackson Wells ha dichiarato che l’iniezione, effettuata per il trattamento della spasticità nelle gambe, ha causato lo sviluppo del botulismo acuto, rendendolo incapace di respirare da solo. Jessica Wells ha anche […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Il problema della calvizie è in costante aumento, a dimostrarlo il crescente ricorso a trattamenti anti caduta e la sempre maggior richiesta di trapianti. Si è lungamente parlato di diverse cause che portano alla perdita di capelli: ereditarietà, carenze alimentari, stress, problemi ormonali o medicinali, infezioni, ma sinora pochi hanno puntato il dito sull’impiego del botox.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Che bella quella ruga

    Che bella quella ruga

    La bellezza non è un viso liscio e senza rughe a tutti i costi. Il più grande errore è proprio quello di pensare a un’immagine della bellezza standard e uniforme, di pensare che un viso a 50-60 armi debba essere come quello di 20-30 anni. Perché ogni età può e deve avere una sua bellezza. E questo è possibile se impariamo a scoprire e valorizzare le caratteristiche e i segni che appartengono a ogni età della nostra vita.

    Leggi il seguito →
  • News Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Milano, 14 novembre 2012 – Nell’ambito della manifestazione BookCity Milano, in programma nel capoluogo lombardo dal 16 al 18 novembre, sabato 17, alle ore 11, presso l’Università Statale Ca’ Granda – Aula Milani in via Festa del Perdono 7, il Prof. Antonino di Pietro, dermatologo e presidente fondatore di ISPLAD, presenterà il suo libro “Botulin Free – Tutta la verità sulle iniezioni antirughe: come restare giovani senza rischiare bellezza e salute” edito da Sperling & Kupfer.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    In un recente congresso di Medicina Estetica, svoltosi a Milano, sono stati riportati i dati di una indagine fatta sulle terapie antiaging più richieste nell’ultimo anno e, a sorpresa, risulta che il botulino (iniettato come antirughe) è sceso dal primo al terzo posto nelle preferenze degli italiani.

    Leggi il seguito →
  • News Botox e Insonnia

    Botox e Insonnia

    Uno studio mondiale sull’Insonnia tra le persone che utilizzano il Botox. Lo studio è stato condotto da eHealthMe ed è basato su 126 report dell’FDA e di persone.  In totale sono stati esaminati 12.604 utilizzatori del Botox. Su eHealthMe, è possibile verificare 40 milioni di effetti collaterali, interazioni farmacologiche,riportati da 6 milioni di persone dal 1977. Tutti gli studi sono personalizzati per sesso ed età e per effetti del farmaco a lungo termine. Che cosa è il Botox Il Botox […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    Milano, 15 ottobre 2012 – “Ancora una volta devo constatare che si parla della tossina botulinica in modo impreciso e fuori dalle coordinate che dovrebbero essere seguite quando si parla di un farmaco e che sono state sottolineate, anche recentemente, dall’AIFA” – queste le affermazioni di Antonino Di Pietro nel leggere il comunicato stampa in occasione della presentazione del 14° congresso internazionale di medicina Estetica che si aprirà nei prossimi giorni a Milano. “Una comunicazione scorretta che fa ancora riferimento […]

    Leggi il seguito →
  • News L’illusione del Botox

    L’illusione del Botox

    Da qualche anno la tossina botulinica viene utilizzata anche per trattare cefalee ed emicranie: una terapia nata quasi per caso, quando si è visto che i pazienti che si sottoponevano a iniezioni di botox per ragioni estetiche erano meno soggetti a mal di testa. A conti fatti però si tratta di un vantaggio molto limitato.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Brani dal libro “Botulin Free”

    Brani dal libro “Botulin Free”

    Mi sono chiesto quale forza mi stesse trascinando a scrivere un libro così scomodo, capace di attirarmi antipatie tanto nella comunità medica quanto in quella farmaceutica.

    Ho trovato molte motivazioni di natura etica e professionale, ma quella più pressante è stata il disagio che negli ultimi anni vivo nel mio ruolo di medico: non riesco più a rassegnarmi al silenzio.

    Leggi il seguito →