Perché Botulin Free?

21 aprile 2011 18:19 2 commenti

Condividi questo articolo

Autore:

admin

Benvenuti in un sito di “idee in movimento”. Quindi non “paralizzate”, entro i confini di una comunicazione massificata e fuorviante. Un movimento di pensiero fatto da persone, addetti ai lavori e gente comune, accomunate dalla voglia di divulgare e condividere conoscenze ed esperienze in merito all’utilizzo della tossina botulinica.

Botulino: perché parlarne?

Per non “lasciarci la pelle”, innanzitutto. Ma anche perché, in ogni caso, “il gioco non varrebbe la candela”.

Mi spiego. Faccio il dermatologo da oltre 25 anni. Come “medico della pelle” curo patologie e inestetismi, al fine di ristabilire una condizione di salute e benessere cutaneo. Un obiettivo che non va mai perso di vista, neppure quando si tratta di “semplici” trattamenti estetici, “punturine” in testa. Come quelle (subdole) iniezioni di botulino che, paralizzando i muscoli mimici responsabili della rughe, sono considerate (fortunatamente non da tutti) un presidio medico esente da gravi rischi. Ed è questo il punto. I pericoli, dovuti agli effetti collaterali di una neurotossina che paralizza i muscoli, possono essere affrontati, consapevoli dei benefici per alcune malattie. In medicina, infatti, la “tossina botulinica A” è impiegata nel trattamento di patologie importanti, che indubbiamente hanno un impatto molto forte sulla qualità di vita di chi ne soffre. Si rivela peraltro utile per trattare problemi di origine neurologica, ad esempio, il torcicollo spasmodico o il crampo dello scrivano, oppure di natura oculistica, tipo il blefarospasmo (dovuto alla chiusura involontaria delle palpebre) o lo strabismo, e persino di pertinenza dermatologica, come in caso d’iperidrosi, (eccessiva sudorazione di ascelle, mani, piedi).

Tuttavia, trovo insensato l’utilizzo di una tossina che paralizza i muscoli per cancellare le rughe. La mia posizione si basa sulla constatazione che la tossina è in grado di diffondersi a distanza rispetto al punto d’iniezione. Evenienza peraltro citata nel bugiardino del farmaco e confermata da studi recenti, tra cui quello del professor Matteo Caleo, ricercatore presso l’Istituto di Neuroscienze del Cnr di Pisa. Ma è una goccia nel mare… Nonostante gli esperti riconoscano che la tossina botulinica, come peraltro tutti i farmaci, presenti possibili effetti collaterali (di cui per correttezza il medico che la utilizza dovrebbe mettere a conoscenza il paziente), l’informazione sui (reali) rischi resta insufficiente, per poter valutare se davvero si è disposti a farsela iniettare per cancellare il tempo che passa. Numerosi sono i siti americani (come ad esempio www.ncbi.nlm.nih.gov - www.dermatologytimes.com) in cui molti patiti della tossina raccontano le loro esperienze negative. Molti pazienti dopo il botulino non si piacciono, né si riconoscono: facce innaturali, fronti immobili, un disarmante spettacolo di ebetismo estetico. E questo sito è stato proprio pensato per dar voce a chi ritiene inammissibile rischiare la pelle o sacrificare l’espressività di un volto per una mera illusione di bellezza. D’altronde, solo la “vera” bellezza è capace di suscitare un’emozione. Che si tratti di un’opera d’arte o di una donna, non fa differenza. Comunque sia, il bello muove l’anima.

Un’auspicabile (e salutare) atto di coscienza

Ginnastica facciale, una migliore nutrizione e filler riassorbibili, ossia sostanze naturali di riempimento. Ecco i modi salutari d’intervenire sull’aspetto esteriore. Perché è proprio di salute che si parla, quando ci s’interroga sull’uso estetico del botulino. La tossina, infatti, è in grado di diffondersi a distanza rispetto al punto d’iniezione, come dimostrano vari studi scientifici. Il botulino non si sposta attraverso i vasi sanguigni, nei casi in cui questi, per errore, siano interessati dall’iniezione, ma lungo i nervi, arrivando al cervello. E, nonostante i dosaggi utilizzati in medicina estetica siano molto bassi, nessuno, ad oggi, può quantificare l’entità della sostanza che arriva effettivamente al cervello e a quali concentrazioni possa essere dannosa. Un pensiero che, a dire il vero, è già paralizzante di per sé…

Ma non basta. Persino i “botox-addicted”, cioè quelli che avvertono la necessità ossessiva di continuare a sottoporsi a iniezioni di botulino per eliminare le rughe ogni sei mesi, ossia il periodo di durata dell’effetto lifting della neurotossina, cominciano a riflettere. Accorgersi improvvisamente che il volto, appiattito, spianato, omologato, si è trasformato in una maschera, che è scomparsa l’espressività e ormai è difficile, se non impossibile, trasmettere emozioni sincere, come il dispiacere svelato da una fronte corrucciata o la tenerezza disegnata da un arco di sopracciglia, non può lasciare indifferenti. Non solo. Recenti studi psicologici rivelano che il botulino, snaturando e appiattendo la mimica facciale, incide su un carattere peculiare dell’intelligenza emotiva, l’empatia. Un’importante competenza sociale che può mettere in crisi i rapporti e la cooperazione tra gli esseri umani.

Vi pare poco? Allora, per dirlo con le parole del filosofo James Hillman, è venuto il momento di diventare coscienti, che adesso (più che mai) “significa non soltanto diventare coscienti dei nostri sentimenti e dei nostri ricordi, ma soprattutto risvegliare le nostre risposte personali al bello e al brutto”. Ma quando si parla della bellezza, la posta in gioco è alta: si tratta di riflettere su una relazione pacificata con la propria immagine. Che, non a caso, spinge alla leggerezza, naturalezza e autenticità. In una parola, alla “bellezza autentica” che nasce dalla consapevolezza della propria unicità, dalla capacità di comunicare il proprio mondo interiore, di fare affiorare i propri valori e speranze. Senza dimenticare, una volta di più, che la bellezza autentica non vuol dire trascuratezza e sciatteria, bensì espressione e cura di sé.

Darsi il permesso di sentirsi belli, esprimendo liberamente la propria bellezza, al di fuori di mode imperanti e stereotipi evanescenti, significa perseguire una “bellezza sostenibile”. Che propone un sistema valoriale improntato sull’intelligenza, sul pensiero, sull’identità della persona. D’altronde il “bell-essere” non è il risultato di un intervento spot o miracoloso, ma è un processo creativo e costruttivo, che coinvolge costantemente mente e corpo, ragione ed emozione. In campo estetico, quindi, serve ribaltare la scala di priorità, ponendo al vertice la salute della pelle. Che, si sa, soltanto quando è sana può essere realmente bella.

 

Antonino Di Pietro
www.antoninodipietro.it

2 Commenti

  • Da donna, mi chiedo come si possa rinunciare alla propria personalità per omologarsi a qualcosa che non è reale.
    Le facce da botulino sembrano tutte uguali e senza espressione, mi ricordano (scusatemi la poca eleganza) quelle delle bambole gonfiabili.
    Approvo la vostra iniziativa, complimenti!

  • Erano anni che cercavo un sito così’!!! Basta col botulino che avvelena la bellezza e basta con chi vuole farci credere che il botox ci fa bene. Una mia amica ha avuto mal di testa e nausea per un mese dopo aver fatto il botox e stava impazzendo. Il medico diceva che erano sue fantasie ma voleva solo difendere i suoi guadagni. E’ una vergogna su cui non si deve piu’ tacere.

Lascia il tuo commentoPer lasciare un commento devi essere un utente registrato. Clicca qui


Altre news

  • In evidenza Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Come molte altre donne, Frankie Waring era convinta che avrebbe potuto contare sul Botox per tenere le rughe a bada. Per questo motivo, quando all’età di 24 anni, la giovane ha iniziato ad avere le prime rughe tra fronte e sopracciglia – come conseguenza, secondo i suoi sospetti, dell’esposizione della pelle agli elementi durante la passeggiate a cavallo – Frankie non ha avuto alcuna esitazione.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Il botulino è uno dei farmaci più utilizzati dalla medicina estetica per la riduzione delle rughe e delle linee del viso. Le donne che si sottopongono a iniezioni regolari della tossina botulinica per eliminare i segni del tempo sarebbero più inclini a cadere in depressione, e ciò sarebbe dovuto all’impossibilità di poter sorridere correttamente. Il trattamento infatti, inibisce temporaneamente alcuni muscoli del viso, interrompendo i segnali inviati al cervello quando ci sentiamo felici e vogliamo sorridere. Queste sono le conclusioni [...]

    Leggi il seguito →
  • News Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Di Kelly Soderlund, ADA News Boston – I dentisti del Massachusetts possono somministrare Botox e filler ai pazienti come parte del loro trattamento odontoiatrico, a seguito di una nuova politica di regolamentazione dello stato. Il Consiglio di Registrazione in Odontoiatria del Massachusetts ha approvato la politica all’unanimità il 6 marzo, unendosi ad almeno altri 20 stati che hanno affrontato la questione della somministrazione da parte di dentisti della tossina botulinica, il nome clinico per ciò che è comunemente noto come [...]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Lo studio dell’Università di Cardiff. Le punturine ‘surgelano’ i muscoli della faccia e impediscono i movimenti spontanei. In questo modo ‘tagliano’ quei segnali che arrivano al cervello quando ridiamo e ci sentiamo più felici. Una scoperta che non piacerà alle star di Hollywood botulino-dipendenti CONTRORDINE anche se regala  l’illusione di essere più giovani e belli, il botox potrebbe farci deprimere. Le signore che scelgono le famose iniezioni per sbarazzarsi di qualche rughetta hanno più possibilità di ammalarsi di depressione. Il [...]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) a febbraio hanno diffuso una comunicazione relativa ai rischi associati all’uso off-label di NeuroBloc (la tossina botulinica di tipo B).

    In sintesi la nota informativa avvisa che NeuroBloc (tossina botulinica di tipoB) è indicato esclusivamente per il trattamento della distonia cervicale (torcicollo) negli adulti.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Di Margaret Cronin Fisk – February 26, 2013 02:56 ET Allergan Inc. (AGN) ha raggiunto durante il processo un accordo confidenziale con la madre di un bambino di 6 anni dell’Oklahoma che respira grazie ad un respiratore artificale dopo che gli è stato iniettato del Botox. La madre di Jackson Wells ha dichiarato che l’iniezione, effettuata per il trattamento della spasticità nelle gambe, ha causato lo sviluppo del botulismo acuto, rendendolo incapace di respirare da solo. Jessica Wells ha anche [...]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Il problema della calvizie è in costante aumento, a dimostrarlo il crescente ricorso a trattamenti anti caduta e la sempre maggior richiesta di trapianti. Si è lungamente parlato di diverse cause che portano alla perdita di capelli: ereditarietà, carenze alimentari, stress, problemi ormonali o medicinali, infezioni, ma sinora pochi hanno puntato il dito sull’impiego del botox.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Che bella quella ruga

    Che bella quella ruga

    La bellezza non è un viso liscio e senza rughe a tutti i costi. Il più grande errore è proprio quello di pensare a un’immagine della bellezza standard e uniforme, di pensare che un viso a 50-60 armi debba essere come quello di 20-30 anni. Perché ogni età può e deve avere una sua bellezza. E questo è possibile se impariamo a scoprire e valorizzare le caratteristiche e i segni che appartengono a ogni età della nostra vita.

    Leggi il seguito →
  • News Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Milano, 14 novembre 2012 – Nell’ambito della manifestazione BookCity Milano, in programma nel capoluogo lombardo dal 16 al 18 novembre, sabato 17, alle ore 11, presso l’Università Statale Ca’ Granda – Aula Milani in via Festa del Perdono 7, il Prof. Antonino di Pietro, dermatologo e presidente fondatore di ISPLAD, presenterà il suo libro “Botulin Free – Tutta la verità sulle iniezioni antirughe: come restare giovani senza rischiare bellezza e salute” edito da Sperling & Kupfer. La presentazione si svolgerà [...]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    In un recente congresso di Medicina Estetica, svoltosi a Milano, sono stati riportati i dati di una indagine fatta sulle terapie antiaging più richieste nell’ultimo anno e, a sorpresa, risulta che il botulino (iniettato come antirughe) è sceso dal primo al terzo posto nelle preferenze degli italiani.

    Leggi il seguito →
  • News Botox e Insonnia

    Botox e Insonnia

    Uno studio mondiale sull’Insonnia tra le persone che utilizzano il Botox. Lo studio è stato condotto da eHealthMe ed è basato su 126 report dell’FDA e di persone.  In totale sono stati esaminati 12.604 utilizzatori del Botox. Su eHealthMe, è possibile verificare 40 milioni di effetti collaterali, interazioni farmacologiche,riportati da 6 milioni di persone dal 1977. Tutti gli studi sono personalizzati per sesso ed età e per effetti del farmaco a lungo termine. Che cosa è il Botox Il Botox [...]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    Milano, 15 ottobre 2012 – “Ancora una volta devo constatare che si parla della tossina botulinica in modo impreciso e fuori dalle coordinate che dovrebbero essere seguite quando si parla di un farmaco e che sono state sottolineate, anche recentemente, dall’AIFA” – queste le affermazioni di Antonino Di Pietro nel leggere il comunicato stampa in occasione della presentazione del 14° congresso internazionale di medicina Estetica che si aprirà nei prossimi giorni a Milano. “Una comunicazione scorretta che fa ancora riferimento [...]

    Leggi il seguito →
  • News L’illusione del Botox

    L’illusione del Botox

    Da qualche anno la tossina botulinica viene utilizzata anche per trattare cefalee ed emicranie: una terapia nata quasi per caso, quando si è visto che i pazienti che si sottoponevano a iniezioni di botox per ragioni estetiche erano meno soggetti a mal di testa. A conti fatti però si tratta di un vantaggio molto limitato.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Brani dal libro “Botulin Free”

    Brani dal libro “Botulin Free”

    Mi sono chiesto quale forza mi stesse trascinando a scrivere un libro così scomodo, capace di attirarmi antipatie tanto nella comunità medica quanto in quella farmaceutica.

    Ho trovato molte motivazioni di natura etica e professionale, ma quella più pressante è stata il disagio che negli ultimi anni vivo nel mio ruolo di medico: non riesco più a rassegnarmi al silenzio.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Sull’impiego del botulino

    Sull’impiego del botulino

    Il professor Antonino Di Pietro ribadisce quando segue in merito alla rettifica apparsa ieri a pagina 43 del Corriere della Sera sulla sua opposizione all’impiego indiscriminato della tossina botulinica.

    Leggi il seguito →