In evidenza

Risarcimento record di 212 milioni di dollari per danni causati dal Botox

 

In Virginia,dopo due settimane di processo, l’Allergan è stata condannata a pagare 212 milioni di dollari al signor Ray J. Douglas, di cui 12 milioni per danni sofferti e 200 milioni di “punitive damages” (danni esemplari).

Il signor Ray, difeso dall’ avv. Ray Chester, ha sostenuto in corso di causa che il Botox, ricevuto nel 2007 per curare tremori alle mani, ha scatenato una reazione autoimmune e danno cerebrale causandogli una invalidità.

Chester ha inoltre provato che Allergan, per non creare allarmi in America e subire un calo di vendite, ha sottaciuto i pericoli del Botox in USA.

SCARICA LA SENTENZA UFFICIALE

 

 

FONTI

Virginia jury returns $212Million verdict against Botox maker

Jury orders Allergan to pay $212 mln in Botox case

Allergan Loses $212 Million Lawsuit in Virginia Over Botox Side Effects

Can Botox Cause Brain Damage? Allergan Fights 3 Suits That Say So

 

In un’intervista pubblicata il 30 aprile 2011 dal giornale americano O.C. Register  (www.ocregister.com/news/botox-119081-ocprint-allergan-ray.html), il Dott. Sidney Wolfe, Direttore del Gruppo di ricerca sulla salute di Public Citizen (leggi sotto), ha detto che il verdetto di condanna dell’Allergan in Virginia aumenterà la consapevolezza tra pazienti e medici sulle possibili complicanze mortali del Botox. “Il pubblico ha solo bisogno di conoscere maggiormente i rischi su cui ora è all’oscuro” ha detto Wolfe. “I benefici sono già noti”. Dr. Wolf, anni orsono, fece istanza, accolta positivamente, all’Agenzia Federale FDA affinché venisse aggiunta un’etichetta d’avvertimento ai consumatori, chiamata “black box”, sui pericoli del Botox.

Leggi l’intervista al Dott. Sidney Wolfe

 

Public Citizen

Public Citizen (http://www.citizen.org)   è un’organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 1971 che serve da “voce del popolo” a Washington e con le sue ricerche e inchieste si prefigge uno scopo dominante: assicurarsi che tutti i cittadini siano rappresentati nelle sale del potere. Public Citizen non partecipa ad attività politiche, non accetta soldi governativi né aziendali, lotta per l’interesse pubblico. Per circa quattro decadi ha orgogliosamente difeso gli interessi del cittadino avanti il Congresso, le agenzie esecutive e le corti. Ha sfidato con successo le pratiche abusive dell’industria farmaceutica, nucleare ed automobilistica che proteggono gli interessi delle grandi industrie a spese dei cittadini in tutto il mondo.