In evidenza

Botulino: la testimonianza di Antonella Antonelli

La testimonianza sul botulino di Antonella Antonelli, direttrice di Marie Claire.

Che cosa è per te la bellezza?
È la consapevolezza di un proprio equilibrio che si può raggiungere solo con la ricerca dell’armonia tra corpo e anima. E vivere dunque al meglio ogni stagione della propria vita: bellezza non equivale a giovinezza, anzi: si può essere molto più infelici e tormentate – e quindi non in armonia con se stesse – anche a vent’anni. Questo falso mito è stato imposto da un sistema sociale che non corrisponde alla realtà, ma a cui, purtroppo, molte donne si adeguano perché non hanno sviluppato abbastanza “difese”. In generale, l’immagine femminile in Italia sta andando nella direzione dell’adolescente come icona a cui ispirarsi, ma io credo – e cerco di farlo anche con il giornale che dirigo – che alla bellezza autentica si possa approdare quando si arriva in un momento dell’esistenza dove c’è la possibilità di guardare tutto e tutti da una prospettiva “altra”: più completa e più complessa, ma allo stesso tempo più matura e ricca. Per capire che non esiste un unico stile di vita, un unico modello di riferimento, un’unica maniera di apparire.


Cosa ne pensi del botulino?

Credo che il suo uso faccia parte della costruzione di quel falso mito della giovinezza di cui parlavo prima, che serve solo a sfruttare più le donne, a richiedere loro sempre maggiori sforzi in ogni momento della quotidianità. Ecco quindi che questo dato culturale si è trasferito sulla pelle e sul corpo: vedo in giro madri che si vestono come le figlie, non le distingui più l’una dall’altra per il botoz e la chirurgia estetica che, secondo me, non è “estetica” per niente. Mentre invece si dovrebbe fare pace con se stesse e con l’età che si ha. È un altro periodo della vita, bello, pieno, completo, ma dve alcune cose sono cambiate perché dovevano cambiare e noi siamo esseri in continua e costante evoluzione. Questo è il messaggio che cerco di far passare ogni mese con Marie Claire. Spero di riuscirci!