Brani dal libro “Botulin Free”

26 marzo 2012 22:26 0 commenti

DALLA PREFAZIONE

Botulin FreeMi sono chiesto quale forza mi stesse trascinando a scrivere un libro così scomodo, capace di attirarmi antipatie tanto nella comunità medica quanto in quella farmaceutica.

Ho trovato molte motivazioni di natura etica e professionale, ma quella più pressante è stata il disagio che negli ultimi anni vivo nel mio ruolo di medico: non riesco più a rassegnarmi al silenzio, per certi versi molto eloquente, che per quieto vivere o interessi economici ammanta l’esercizio della scienza medica e l’uso di terapie per scopi che non sono solo la salvaguardia della salute.

Vorrei che al lettore fosse ben chiaro che non sono un nemico delle grandi aziende farmaceutiche, anzi, Dio le benedica e le illumini sempre nel loro impegno nella ricerca, nello studio e nella produzione di farmaci utilissimi. Che, tra l’altro, permettono al medico di svolgere la propria missione, guarire e alleviare le sofferenze della malattia, aiutando ogni persona a vivere bene e con serenità ogni giorno della vita.

La mia battaglia non è neppure contro il botulino, inteso come farmaco, e come tale molto utile per combattere importanti patologie che la stampa scientifica e divulgativa ha fatto conoscere, contribuendo al contempo a sensibilizzare l’opinione pubblica sul prezioso valore della salute.

La mia rabbia, invece, è focalizzata su un marketing cinico e pericoloso, che trasmette messaggi falsi e informazioni fuorvianti. Sono strategie studiate a tavolino da agenzie di comunicazione prive di scrupoli che coinvolgono medici e giornalisti. Il fine? Promuovere l’uso e le vendite di una tossina con un discutibile effetto estetico, nascondendo o minimizzando i potenziali effetti collaterali.

Ciò determina un effetto tanto paradossale quanto subdolo perché, a causa di un atteggiamento compiacente di alcuni medici, la colpa delle conseguenze negative è scaricata sull’intera categoria. «Il botulino è innocuo», è il messaggio, quindi, se succede qualcosa di avverso, è solo colpa del medico, inesperto e incapace!

La scienza, senza coscienza, è rovinosa.

DAL CAPITOLO 1
[…] quanto può contare nella scelta di una terapia sapere che questa potrebbe fargli guadagnare centinaia di euro in pochi minuti?

Per dimostrare la sicurezza di questo trattamento estetico si fa riferimento al fatto che sono pochi i casi noti di reazioni avverse. E di quei casi s’incolpa non la sostanza, ma chi l’ha somministrata, creando un circuito vizioso. Da una parte, infatti, ci sono medici compiacenti che accettano di scrivere articoli e tenere conferenze senza un’idonea verifica dei dati, spesso basandosi su quelli che passa l’industria. Dall’altra c’è un meccanismo di propaganda martellante, per cui i medici non riescono più a discernere vantaggi e limiti di un determinato farmaco. […]

Se ne deduce che, di fronte a un evento avverso, la colpa sarebbe solo del medico, perché ritenuto poco esperto. […] In questa campagna che mira a scaricare le responsabilità del botulino è facile immaginare che un medico, di fronte a un problema, potrebbe tendere a minimizzare i sintomi e a non segnalarli per paura di essere tacciato come incapace. Risultato: il numero di effetti avversi noti, lievi e reversibili o meno, risulterebbe molto inferiore rispetto a quello reale.

In verità, però, la responsabilità non può essere solo del medico. È infatti assurdo affermare che una neurotossina non dia alcun effetto collaterale e sostenere che in caso contrario la colpa sia solo di chi la inietta. Tutti i farmaci possono avere effetti nocivi e ogni buon medico dovrebbe ben conoscere questa verità e non nasconderla ai pazienti.

Invece, in questo caso, è il marketing o chi si occupa di comunicazione a imporre una falsa verità, convincente e rassicurante: ma lesiva.
[…] Tra l’altro, qualora un paziente avesse dei problemi in seguito a un uso off-label (di cui il medico si assume dunque la totale responsabilità), nessuna assicurazione ne risponderebbe e la casa farmaceutica sarebbe completamente scagionata.

[…] La medesima agenzia ha, negli anni, organizzato varie conferenze e comunicati stampa per ribadire che la sicurezza della tossina è massima ed è il medico «inesperto» a causare eventuali effetti collaterali. Ebbene, alcuni dei firmatari […] hanno avuto rapporti di consulenza con l’azienda produttrice. Ma non basta, sono anche presidenti di società mediche i cui congressi e corsi di aggiornamento sono ampiamente sponsorizzati da quella stessa azienda. Naturalmente in tutti questi congressi il botulino viene promosso a pieni voti come trattamento eccellente e sicuro.

[…] Ebbene, pensate a una paziente di 40 anni che per un qualsiasi problema insorto dopo il ricorso al botulino denunci chi glielo ha somministrato. Ovvio che costui sarà l’unico colpevole.

[…] Cosa dire, poi, dei numerosi studi scientifici accampati da tutti i sostenitori della tossina? Indagando, si scopre che la maggior parte sono stati condotti dai medici utilizzatori del botulino che ne fanno già largo uso con i propri pazienti.

Ciliegina sulla torta, un certo numero di questi articoli sono stati commissionati proprio dalle aziende produttrici. Facile immaginare i risultati!

Indubbiamente, ci sono forti interessi in questa faccenda, ed è difficile credere trasparente il giudizio. Vale però la pena di chiedersi: si deve accettare che l’interesse privato produca un’informazione inquinata o mendace? Ci si può rassegnare di fronte alle zone d’ombra del mondo della salute, spesso dove un farmaco viene considerato un bene di consumo anziché uno strumento di benessere?
A voi la risposta.

DAL CAPITOLO 5
L’11 maggio 2010 da un tribunale dell’Oklahoma (USA), arriva il verdetto: i giurati condannano l’azienda XXX per negligenza, ossia per non aver rivelato tutti i rischi connessi all’uso estetico del “botulino”, e ordinano un risarcimento faraonico: 15 milioni di dollari.

Decisivi nella sentenza, alcuni documenti in cui l’azienda XXX suggeriva ai medici di parlare del botulino come di una proteina purificata: “Non dite che è un veleno!”

Altre prove dimostrano come alcuni “istruttori” della tossina antirughe incoraggiano l’utilizzo di dosaggi più che doppi rispetto a quelli (20U) autorizzati dall’FDA e siti di iniezione diversi dall’unico ammesso…

Tratti dal libro Botulin Free del Prof. Antonino Di Pietro (Ed. Sperling & Kupfer)

Lascia il tuo commentoPer lasciare un commento devi essere un utente registrato. Clicca qui


Altre news

  • News Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Scoperta la strategia attraverso la quale la tossina batterica che causa il botulismo entra in circolo dopo essere stata assorbita dalla mucosa intestinale. Lo ha annunciato un nuovo studio della Irvine School of Medicine dell’Università della California.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Come molte altre donne, Frankie Waring era convinta che avrebbe potuto contare sul Botox per tenere le rughe a bada. Per questo motivo, quando all’età di 24 anni, la giovane ha iniziato ad avere le prime rughe tra fronte e sopracciglia – come conseguenza, secondo i suoi sospetti, dell’esposizione della pelle agli elementi durante la passeggiate a cavallo – Frankie non ha avuto alcuna esitazione.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Il botulino è uno dei farmaci più utilizzati dalla medicina estetica per la riduzione delle rughe e delle linee del viso. Le donne che si sottopongono a iniezioni regolari della tossina botulinica per eliminare i segni del tempo sarebbero più inclini a cadere in depressione, e ciò sarebbe dovuto all’impossibilità di poter sorridere correttamente. Il trattamento infatti, inibisce temporaneamente alcuni muscoli del viso, interrompendo i segnali inviati al cervello quando ci sentiamo felici e vogliamo sorridere. Queste sono le conclusioni […]

    Leggi il seguito →
  • News Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Di Kelly Soderlund, ADA News Boston – I dentisti del Massachusetts possono somministrare Botox e filler ai pazienti come parte del loro trattamento odontoiatrico, a seguito di una nuova politica di regolamentazione dello stato. Il Consiglio di Registrazione in Odontoiatria del Massachusetts ha approvato la politica all’unanimità il 6 marzo, unendosi ad almeno altri 20 stati che hanno affrontato la questione della somministrazione da parte di dentisti della tossina botulinica, il nome clinico per ciò che è comunemente noto come […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Lo studio dell’Università di Cardiff. Le punturine ‘surgelano’ i muscoli della faccia e impediscono i movimenti spontanei. In questo modo ‘tagliano’ quei segnali che arrivano al cervello quando ridiamo e ci sentiamo più felici. Una scoperta che non piacerà alle star di Hollywood botulino-dipendenti CONTRORDINE anche se regala  l’illusione di essere più giovani e belli, il botox potrebbe farci deprimere. Le signore che scelgono le famose iniezioni per sbarazzarsi di qualche rughetta hanno più possibilità di ammalarsi di depressione. Il […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) a febbraio hanno diffuso una comunicazione relativa ai rischi associati all’uso off-label di NeuroBloc (la tossina botulinica di tipo B).

    In sintesi la nota informativa avvisa che NeuroBloc (tossina botulinica di tipoB) è indicato esclusivamente per il trattamento della distonia cervicale (torcicollo) negli adulti.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Di Margaret Cronin Fisk – February 26, 2013 02:56 ET Allergan Inc. (AGN) ha raggiunto durante il processo un accordo confidenziale con la madre di un bambino di 6 anni dell’Oklahoma che respira grazie ad un respiratore artificale dopo che gli è stato iniettato del Botox. La madre di Jackson Wells ha dichiarato che l’iniezione, effettuata per il trattamento della spasticità nelle gambe, ha causato lo sviluppo del botulismo acuto, rendendolo incapace di respirare da solo. Jessica Wells ha anche […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Il problema della calvizie è in costante aumento, a dimostrarlo il crescente ricorso a trattamenti anti caduta e la sempre maggior richiesta di trapianti. Si è lungamente parlato di diverse cause che portano alla perdita di capelli: ereditarietà, carenze alimentari, stress, problemi ormonali o medicinali, infezioni, ma sinora pochi hanno puntato il dito sull’impiego del botox.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Che bella quella ruga

    Che bella quella ruga

    La bellezza non è un viso liscio e senza rughe a tutti i costi. Il più grande errore è proprio quello di pensare a un’immagine della bellezza standard e uniforme, di pensare che un viso a 50-60 armi debba essere come quello di 20-30 anni. Perché ogni età può e deve avere una sua bellezza. E questo è possibile se impariamo a scoprire e valorizzare le caratteristiche e i segni che appartengono a ogni età della nostra vita.

    Leggi il seguito →
  • News Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Milano, 14 novembre 2012 – Nell’ambito della manifestazione BookCity Milano, in programma nel capoluogo lombardo dal 16 al 18 novembre, sabato 17, alle ore 11, presso l’Università Statale Ca’ Granda – Aula Milani in via Festa del Perdono 7, il Prof. Antonino di Pietro, dermatologo e presidente fondatore di ISPLAD, presenterà il suo libro “Botulin Free – Tutta la verità sulle iniezioni antirughe: come restare giovani senza rischiare bellezza e salute” edito da Sperling & Kupfer.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    In un recente congresso di Medicina Estetica, svoltosi a Milano, sono stati riportati i dati di una indagine fatta sulle terapie antiaging più richieste nell’ultimo anno e, a sorpresa, risulta che il botulino (iniettato come antirughe) è sceso dal primo al terzo posto nelle preferenze degli italiani.

    Leggi il seguito →
  • News Botox e Insonnia

    Botox e Insonnia

    Uno studio mondiale sull’Insonnia tra le persone che utilizzano il Botox. Lo studio è stato condotto da eHealthMe ed è basato su 126 report dell’FDA e di persone.  In totale sono stati esaminati 12.604 utilizzatori del Botox. Su eHealthMe, è possibile verificare 40 milioni di effetti collaterali, interazioni farmacologiche,riportati da 6 milioni di persone dal 1977. Tutti gli studi sono personalizzati per sesso ed età e per effetti del farmaco a lungo termine. Che cosa è il Botox Il Botox […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    Milano, 15 ottobre 2012 – “Ancora una volta devo constatare che si parla della tossina botulinica in modo impreciso e fuori dalle coordinate che dovrebbero essere seguite quando si parla di un farmaco e che sono state sottolineate, anche recentemente, dall’AIFA” – queste le affermazioni di Antonino Di Pietro nel leggere il comunicato stampa in occasione della presentazione del 14° congresso internazionale di medicina Estetica che si aprirà nei prossimi giorni a Milano. “Una comunicazione scorretta che fa ancora riferimento […]

    Leggi il seguito →
  • News L’illusione del Botox

    L’illusione del Botox

    Da qualche anno la tossina botulinica viene utilizzata anche per trattare cefalee ed emicranie: una terapia nata quasi per caso, quando si è visto che i pazienti che si sottoponevano a iniezioni di botox per ragioni estetiche erano meno soggetti a mal di testa. A conti fatti però si tratta di un vantaggio molto limitato.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Brani dal libro “Botulin Free”

    Brani dal libro “Botulin Free”

    Mi sono chiesto quale forza mi stesse trascinando a scrivere un libro così scomodo, capace di attirarmi antipatie tanto nella comunità medica quanto in quella farmaceutica.

    Ho trovato molte motivazioni di natura etica e professionale, ma quella più pressante è stata il disagio che negli ultimi anni vivo nel mio ruolo di medico: non riesco più a rassegnarmi al silenzio.

    Leggi il seguito →