Sull’impiego del botulino

26 marzo 2012 21:00 0 commenti

Interventi & Repliche

Belle senza botox – In relazione all’ articolo pubblicato sul Corriere il 3 marzo , «Picotage e soft peeling, la scelta di Isabella (bella senza botox)», riportante un’ intervista al dottor Antonino Di Pietro, il Collegio delle società scientifiche italiane di medicina estetica Agorà-Sies-Sime presiedute da Alberto Massirone, Maurizio Priori e Carlo Alberto Bartoletti ha richiesto una rettifica sulle informazioni errate in ambito scientifico e precisamente: non appare opportuna la contrapposizione tra un uso della tossina botulinica per altre patologie rispetto all’ impiego, della stessa, per uso estetico, autorizzata a tal fine dall’ Aifa, in linea con l’ importante obiettivo sancito dall’ Oms del raggiungimento del benessere fisico, psicologico e sociale.

Le precisazioni riguardano le seguenti frasi tratte dall’ articolo in questione: «Uso off label – trattamenti vietati»: i trattamenti con tossina botulinica a finalità estetiche che avvengono in zone anatomiche diverse dalla glabella, se supportati da riconosciuta letteratura internazionale, informazione e consenso del paziente avvengono ai sensi e per gli effetti della legge numero 94/98 in vigore in Italia che disciplina l’ uso cosiddetto off-label dei farmaci; pertanto l’ impiego è lecito. «L’ effetto collaterale è che si blocca la mimica facciale»: il miorilassamento dei muscoli trattati con il farmaco a base di tossina botulinica di tipo A rappresenta l’ effetto terapeutico del farmaco, e non un «effetto collaterale» che procurerebbe un danno temporaneo, come erroneamente riferito nell’ articolo.

«Non andate oltre 2-3 trattamenti»: nessun dato scientifico è in grado di giustificare che dopo 2-3 trattamenti con tossina botulinica vi sia assuefazione, e che per ottenere l’ effetto terapeutico, dal quarto trattamento, è necessario aumentare la dose del farmaco; detta affermazione è da ritenersi completamente infondata. «La letteratura scientifica è ancora troppo recente»: gli studi scientifici relativi alla tossina botulinica in campo medico risalgono a oltre 40 anni fa e per l’ utilizzo in medicina estetica ad oltre 20 anni, con ampia letteratura riconosciuta in campo internazionale. Non si sono mai registrate complicanze importanti, e soprattutto mai danni permanenti in medicina estetica «Le altre soluzioni»: le soluzioni terapeutiche proposte nell’ articolo come alternative all’ impiego della tossina botulinica, hanno altre finalità terapeutiche e sono, pertanto, erroneamente indicate quali alternative.

«Controllate il medico (uno specialista)»: l’ impiego della tossina botulinica di tipo A è riservata al laureato in medicina e chirurgia, opportunamente formato nell’ uso del farmaco, ma non è necessario che sia in possesso del titolo di specialista. Il testo integrale della rettifica è disponibile su www.collegiomedicinaestetica.it Federica Lerro, avvocato Ufficio legale del Collegio delle società scientifiche italiane di Medicina estetica Emigrare per lavoro In una lettera sul Corriere del 27 febbraio ho letto che il signor Colombo esprime entusiasmo per sua nipote che è stata assunta da un’ azienda in Svizzera. Emigrare per lavorare non mi pare che sia motivo per rallegrarsi troppo. Io ho due figli che hanno sempre lavorato gratis come stagisti: debbono emigrare? – Roberto Vicari, Mediglia (Mi)

Pagina 43
(25 marzo 2012) – Corriere della Sera

Sull’impiego del botulino

Il professor Antonino Di Pietro ribadisce quando segue in merito alla rettifica apparsa ieri a pagina 43 del Corriere della Sera sulla sua opposizione all’impiego indiscriminato della tossina botulinica. È vero che l’unico trattamento con tossina botulinica in campo estetico approvato dal Food and Drug Administration e dal ministero della slute italian, è solo quello volto allo spianamento temporaneo delle rughe glabellari poste tra le sopracciglia. Dunque, il singolo medico, indipendentemente dalla sua abilità nell’inettarlo, si assume integralmente la responsabilità dell’uso a tappeto del botulino.

La richiamata legge 94/98 disciplina l’uso “fuori indicazione” dei farmaci oncologici in situazioni estreme. Non è vero che il Professor Di Pietro abbia mai detto che l’uso del botulino è vietato: egli ha spiegato che il suo utilizzo non è autorizzato per tutte le altre zone del corpo al di fuori delle rughe glabellari. È vero che la tossina provoca la paralisi del muscolo, posto che, solo così, si spianano le rughe. È altresì vero che l’effetto collaterale è la paralisi della mimica facciale per il periodo di efficacia del farmaco.

Fino all’assuefazione e alla progressiva necessità di aumentarne la dose. L’approvazione della tossina botulinica per usi estetici è avvenuta negli Usa nel 2002 e in Italia (per le sole rughe glabellari) nel 2004. Peraltro, anche secondo l’Agenzia Italiana del farmaco, non si possono escludere pericolose migrazioni del botulino dal punto di iniezione.

Le altre affermazioni contestate non sono dichiarazioni del professor Di Pietro bensì patrimonio culturale del giornalista che comunque sia, è in generale condiviso dal professore. L’essenziale è che il paziente pretenda di leggere nel sbugiardino la verità sulle modalità di impiego e sugli effetti della tossina botulinica.

Avv. Annamaria Bernardini de Pace

>> Scarica l’intervento originale (tratto dal Corriere della Sera, 26 marzo 2012, pag. 37)

 

Lascia il tuo commentoPer lasciare un commento devi essere un utente registrato. Clicca qui


Altre news

  • News Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Scoperta la strategia attraverso la quale la tossina batterica che causa il botulismo entra in circolo dopo essere stata assorbita dalla mucosa intestinale. Lo ha annunciato un nuovo studio della Irvine School of Medicine dell’Università della California.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Come molte altre donne, Frankie Waring era convinta che avrebbe potuto contare sul Botox per tenere le rughe a bada. Per questo motivo, quando all’età di 24 anni, la giovane ha iniziato ad avere le prime rughe tra fronte e sopracciglia – come conseguenza, secondo i suoi sospetti, dell’esposizione della pelle agli elementi durante la passeggiate a cavallo – Frankie non ha avuto alcuna esitazione.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Il botulino è uno dei farmaci più utilizzati dalla medicina estetica per la riduzione delle rughe e delle linee del viso. Le donne che si sottopongono a iniezioni regolari della tossina botulinica per eliminare i segni del tempo sarebbero più inclini a cadere in depressione, e ciò sarebbe dovuto all’impossibilità di poter sorridere correttamente. Il trattamento infatti, inibisce temporaneamente alcuni muscoli del viso, interrompendo i segnali inviati al cervello quando ci sentiamo felici e vogliamo sorridere. Queste sono le conclusioni […]

    Leggi il seguito →
  • News Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Di Kelly Soderlund, ADA News Boston – I dentisti del Massachusetts possono somministrare Botox e filler ai pazienti come parte del loro trattamento odontoiatrico, a seguito di una nuova politica di regolamentazione dello stato. Il Consiglio di Registrazione in Odontoiatria del Massachusetts ha approvato la politica all’unanimità il 6 marzo, unendosi ad almeno altri 20 stati che hanno affrontato la questione della somministrazione da parte di dentisti della tossina botulinica, il nome clinico per ciò che è comunemente noto come […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Lo studio dell’Università di Cardiff. Le punturine ‘surgelano’ i muscoli della faccia e impediscono i movimenti spontanei. In questo modo ‘tagliano’ quei segnali che arrivano al cervello quando ridiamo e ci sentiamo più felici. Una scoperta che non piacerà alle star di Hollywood botulino-dipendenti CONTRORDINE anche se regala  l’illusione di essere più giovani e belli, il botox potrebbe farci deprimere. Le signore che scelgono le famose iniezioni per sbarazzarsi di qualche rughetta hanno più possibilità di ammalarsi di depressione. Il […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) a febbraio hanno diffuso una comunicazione relativa ai rischi associati all’uso off-label di NeuroBloc (la tossina botulinica di tipo B).

    In sintesi la nota informativa avvisa che NeuroBloc (tossina botulinica di tipoB) è indicato esclusivamente per il trattamento della distonia cervicale (torcicollo) negli adulti.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Di Margaret Cronin Fisk – February 26, 2013 02:56 ET Allergan Inc. (AGN) ha raggiunto durante il processo un accordo confidenziale con la madre di un bambino di 6 anni dell’Oklahoma che respira grazie ad un respiratore artificale dopo che gli è stato iniettato del Botox. La madre di Jackson Wells ha dichiarato che l’iniezione, effettuata per il trattamento della spasticità nelle gambe, ha causato lo sviluppo del botulismo acuto, rendendolo incapace di respirare da solo. Jessica Wells ha anche […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Il problema della calvizie è in costante aumento, a dimostrarlo il crescente ricorso a trattamenti anti caduta e la sempre maggior richiesta di trapianti. Si è lungamente parlato di diverse cause che portano alla perdita di capelli: ereditarietà, carenze alimentari, stress, problemi ormonali o medicinali, infezioni, ma sinora pochi hanno puntato il dito sull’impiego del botox.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Che bella quella ruga

    Che bella quella ruga

    La bellezza non è un viso liscio e senza rughe a tutti i costi. Il più grande errore è proprio quello di pensare a un’immagine della bellezza standard e uniforme, di pensare che un viso a 50-60 armi debba essere come quello di 20-30 anni. Perché ogni età può e deve avere una sua bellezza. E questo è possibile se impariamo a scoprire e valorizzare le caratteristiche e i segni che appartengono a ogni età della nostra vita.

    Leggi il seguito →
  • News Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Milano, 14 novembre 2012 – Nell’ambito della manifestazione BookCity Milano, in programma nel capoluogo lombardo dal 16 al 18 novembre, sabato 17, alle ore 11, presso l’Università Statale Ca’ Granda – Aula Milani in via Festa del Perdono 7, il Prof. Antonino di Pietro, dermatologo e presidente fondatore di ISPLAD, presenterà il suo libro “Botulin Free – Tutta la verità sulle iniezioni antirughe: come restare giovani senza rischiare bellezza e salute” edito da Sperling & Kupfer.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    In un recente congresso di Medicina Estetica, svoltosi a Milano, sono stati riportati i dati di una indagine fatta sulle terapie antiaging più richieste nell’ultimo anno e, a sorpresa, risulta che il botulino (iniettato come antirughe) è sceso dal primo al terzo posto nelle preferenze degli italiani.

    Leggi il seguito →
  • News Botox e Insonnia

    Botox e Insonnia

    Uno studio mondiale sull’Insonnia tra le persone che utilizzano il Botox. Lo studio è stato condotto da eHealthMe ed è basato su 126 report dell’FDA e di persone.  In totale sono stati esaminati 12.604 utilizzatori del Botox. Su eHealthMe, è possibile verificare 40 milioni di effetti collaterali, interazioni farmacologiche,riportati da 6 milioni di persone dal 1977. Tutti gli studi sono personalizzati per sesso ed età e per effetti del farmaco a lungo termine. Che cosa è il Botox Il Botox […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    Milano, 15 ottobre 2012 – “Ancora una volta devo constatare che si parla della tossina botulinica in modo impreciso e fuori dalle coordinate che dovrebbero essere seguite quando si parla di un farmaco e che sono state sottolineate, anche recentemente, dall’AIFA” – queste le affermazioni di Antonino Di Pietro nel leggere il comunicato stampa in occasione della presentazione del 14° congresso internazionale di medicina Estetica che si aprirà nei prossimi giorni a Milano. “Una comunicazione scorretta che fa ancora riferimento […]

    Leggi il seguito →
  • News L’illusione del Botox

    L’illusione del Botox

    Da qualche anno la tossina botulinica viene utilizzata anche per trattare cefalee ed emicranie: una terapia nata quasi per caso, quando si è visto che i pazienti che si sottoponevano a iniezioni di botox per ragioni estetiche erano meno soggetti a mal di testa. A conti fatti però si tratta di un vantaggio molto limitato.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Brani dal libro “Botulin Free”

    Brani dal libro “Botulin Free”

    Mi sono chiesto quale forza mi stesse trascinando a scrivere un libro così scomodo, capace di attirarmi antipatie tanto nella comunità medica quanto in quella farmaceutica.

    Ho trovato molte motivazioni di natura etica e professionale, ma quella più pressante è stata il disagio che negli ultimi anni vivo nel mio ruolo di medico: non riesco più a rassegnarmi al silenzio.

    Leggi il seguito →