Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

21 aprile 2013 14:42 0 commenti

Condividi questo articolo

Autore:

Tags:

Di Kelly Soderlund, ADA News

Boston – I dentisti del Massachusetts possono somministrare Botox e filler ai pazienti come parte del loro trattamento odontoiatrico, a seguito di una nuova politica di regolamentazione dello stato.

Il Consiglio di Registrazione in Odontoiatria del Massachusetts ha approvato la politica all’unanimità il 6 marzo, unendosi ad almeno altri 20 stati che hanno affrontato la questione della somministrazione da parte di dentisti della tossina botulinica, il nome clinico per ciò che è comunemente noto come Botox.

Il Dr. Mina Paul, presidente del consiglio dentale, ha dichiarato di aver istituito l’anno scorso un gruppo di lavoro per studiare i pro e i contro dell’attuazione di una politica “Botox”.

“La task force ha stabilito all’unanimità che si tratta di un’area nella quale i dentisti possono sicuramente lavorare senza problemi, dato il nostro background e la nostra formazione “, ha detto il dottor Paul.

Uno dei componenti che influenzano la decisione è basato sulla messa a fuoco di disturbi temporomandibolari comuni nelle tre scuole dentali di Boston – le università di Boston, Harvard e Tufts – e su come il Botox può curare questa condizione, ha detto il Dott. Paul.

I dentisti del Massachusetts che desiderano somministrare Botox e filler devono avere la laurea in chirurgia orale e maxillo-facciale o aver completato un minimo di otto ore di formazione nella somministrazione delle tossine botuliniche e / o filler che include lo studio dell’anatomia della testa e del collo, della neurofisiologia, la selezione dei pazienti, gli effetti farmacologici e le controindicazioni, la gestione delle complicanze, consenso informato e formazione sulla gestione degli agenti. La formazione deve essere offerto da un

provider di formazione continua approvato dal Programma di Riconoscimento della Formazione Continua della ADA, l’Accademia di Odontoiatria Generale o da altro ente riconosciuto e accreditato a livello nazionale approvato dal consiglio dentale.

L’ADA supporta i dentisti nell’esecuzione di qualsiasi procedura per la quale sono qualificati fornendo l’istruzione, la formazione e l’esperienza coerentemente con le leggi dello stato in cui si praticano. L’Associazione è a conoscenza di almeno 20 Stati che hanno affrontato la questione della somministrazione di Botox da parte dei dentisti.

Norme statali relative alla somministrazione di Botox variano ampiamente. Alcuni stati consentano ai dentisti adeguatamente formati di somministrare il Botox a scopi estetici, mentre altri permettono solo la somministrazione per benefici dentali.

Non esiste un regolamento nazionale uniforme per la somministrazione di Botox. Per informazioni più aggiornate, i dentisti dovrebbero contattare il Dental Board del loro stato.

(FONTE: Ada.org)

*****

LEGGETE L’ARTICOLO ORIGINALE

Massachusetts approves Botox policy for dentists

By Kelly Soderlund, ADA News staff

Massachusetts dentists can administer Botox and derma fillers to patients as part of their overall dental treatment plan, per a new state regulatory policy.

The Massachusetts Board of Registration in Dentistry approved the policy unanimously March 6, joining at least 20 other states that address the issue of general dentists administering botulinum toxins, the clinical name for what’s commonly known as Botox. Dr. Mina Paul, chair of the dental board, said she established a task force last year to study the pros and cons of implementing a Botox policy.

“The task force unanimously felt strongly that it’s an area that dentists can definitely work in and deliver without a problem, given our background and training,” Dr. Paul said.

One of the components affecting the decision was based on the focus of temporomandibular joint disorders in Boston’s three dental schools—Boston, Harvard and Tufts universities—and how Botox can treat the condition, Dr. Paul said.

Massachusetts dentists who want to administer Botox and fillers must be board certified in oral and maxillofacial surgery or have completed a minimum of eight hours of training in the administration of botulinum toxins and/or derma fillers that includes instruction in the anatomy of head and neck, neurophysiology, patient selection, pharmacological effects and contraindications, management of complications, informed consent and hands-on training on the administration of the agents. The training must be offered by a
continuing education provider approved by the ADA’s Continuing Education Recognition Program, the Academy of General Dentistry’s Program Approval for Continuing Education or another nationally recognized and accredited entity approved by the dental board.

The ADA supports dentists performing any procedure for which they are qualified by education, training and experience and consistent with the laws of the state in which they are practicing. The Association is aware of at least 20 states that have addressed the issue of general dentists administering Botox.

State regulations related to the administration of Botox vary widely. Some states permit properly trained dentists to administer Botox for cosmetic purposes, while others only allow dentists to administer Botox when there is a dental benefit.

There is no national uniform regulation for the administration of Botox. For the most up-to-date information, dentists should contact their state dental board.

Lascia il tuo commentoPer lasciare un commento devi essere un utente registrato. Clicca qui


Altre news

  • News Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Scoperta la strategia attraverso la quale la tossina batterica che causa il botulismo entra in circolo dopo essere stata assorbita dalla mucosa intestinale. Lo ha annunciato un nuovo studio della Irvine School of Medicine dell’Università della California.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Come molte altre donne, Frankie Waring era convinta che avrebbe potuto contare sul Botox per tenere le rughe a bada. Per questo motivo, quando all’età di 24 anni, la giovane ha iniziato ad avere le prime rughe tra fronte e sopracciglia – come conseguenza, secondo i suoi sospetti, dell’esposizione della pelle agli elementi durante la passeggiate a cavallo – Frankie non ha avuto alcuna esitazione.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Il botulino è uno dei farmaci più utilizzati dalla medicina estetica per la riduzione delle rughe e delle linee del viso. Le donne che si sottopongono a iniezioni regolari della tossina botulinica per eliminare i segni del tempo sarebbero più inclini a cadere in depressione, e ciò sarebbe dovuto all’impossibilità di poter sorridere correttamente. Il trattamento infatti, inibisce temporaneamente alcuni muscoli del viso, interrompendo i segnali inviati al cervello quando ci sentiamo felici e vogliamo sorridere. Queste sono le conclusioni […]

    Leggi il seguito →
  • News Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Di Kelly Soderlund, ADA News Boston – I dentisti del Massachusetts possono somministrare Botox e filler ai pazienti come parte del loro trattamento odontoiatrico, a seguito di una nuova politica di regolamentazione dello stato. Il Consiglio di Registrazione in Odontoiatria del Massachusetts ha approvato la politica all’unanimità il 6 marzo, unendosi ad almeno altri 20 stati che hanno affrontato la questione della somministrazione da parte di dentisti della tossina botulinica, il nome clinico per ciò che è comunemente noto come […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Lo studio dell’Università di Cardiff. Le punturine ‘surgelano’ i muscoli della faccia e impediscono i movimenti spontanei. In questo modo ‘tagliano’ quei segnali che arrivano al cervello quando ridiamo e ci sentiamo più felici. Una scoperta che non piacerà alle star di Hollywood botulino-dipendenti CONTRORDINE anche se regala  l’illusione di essere più giovani e belli, il botox potrebbe farci deprimere. Le signore che scelgono le famose iniezioni per sbarazzarsi di qualche rughetta hanno più possibilità di ammalarsi di depressione. Il […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) a febbraio hanno diffuso una comunicazione relativa ai rischi associati all’uso off-label di NeuroBloc (la tossina botulinica di tipo B).

    In sintesi la nota informativa avvisa che NeuroBloc (tossina botulinica di tipoB) è indicato esclusivamente per il trattamento della distonia cervicale (torcicollo) negli adulti.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Di Margaret Cronin Fisk – February 26, 2013 02:56 ET Allergan Inc. (AGN) ha raggiunto durante il processo un accordo confidenziale con la madre di un bambino di 6 anni dell’Oklahoma che respira grazie ad un respiratore artificale dopo che gli è stato iniettato del Botox. La madre di Jackson Wells ha dichiarato che l’iniezione, effettuata per il trattamento della spasticità nelle gambe, ha causato lo sviluppo del botulismo acuto, rendendolo incapace di respirare da solo. Jessica Wells ha anche […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Il problema della calvizie è in costante aumento, a dimostrarlo il crescente ricorso a trattamenti anti caduta e la sempre maggior richiesta di trapianti. Si è lungamente parlato di diverse cause che portano alla perdita di capelli: ereditarietà, carenze alimentari, stress, problemi ormonali o medicinali, infezioni, ma sinora pochi hanno puntato il dito sull’impiego del botox.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Che bella quella ruga

    Che bella quella ruga

    La bellezza non è un viso liscio e senza rughe a tutti i costi. Il più grande errore è proprio quello di pensare a un’immagine della bellezza standard e uniforme, di pensare che un viso a 50-60 armi debba essere come quello di 20-30 anni. Perché ogni età può e deve avere una sua bellezza. E questo è possibile se impariamo a scoprire e valorizzare le caratteristiche e i segni che appartengono a ogni età della nostra vita.

    Leggi il seguito →
  • News Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Milano, 14 novembre 2012 – Nell’ambito della manifestazione BookCity Milano, in programma nel capoluogo lombardo dal 16 al 18 novembre, sabato 17, alle ore 11, presso l’Università Statale Ca’ Granda – Aula Milani in via Festa del Perdono 7, il Prof. Antonino di Pietro, dermatologo e presidente fondatore di ISPLAD, presenterà il suo libro “Botulin Free – Tutta la verità sulle iniezioni antirughe: come restare giovani senza rischiare bellezza e salute” edito da Sperling & Kupfer.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    In un recente congresso di Medicina Estetica, svoltosi a Milano, sono stati riportati i dati di una indagine fatta sulle terapie antiaging più richieste nell’ultimo anno e, a sorpresa, risulta che il botulino (iniettato come antirughe) è sceso dal primo al terzo posto nelle preferenze degli italiani.

    Leggi il seguito →
  • News Botox e Insonnia

    Botox e Insonnia

    Uno studio mondiale sull’Insonnia tra le persone che utilizzano il Botox. Lo studio è stato condotto da eHealthMe ed è basato su 126 report dell’FDA e di persone.  In totale sono stati esaminati 12.604 utilizzatori del Botox. Su eHealthMe, è possibile verificare 40 milioni di effetti collaterali, interazioni farmacologiche,riportati da 6 milioni di persone dal 1977. Tutti gli studi sono personalizzati per sesso ed età e per effetti del farmaco a lungo termine. Che cosa è il Botox Il Botox […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    Milano, 15 ottobre 2012 – “Ancora una volta devo constatare che si parla della tossina botulinica in modo impreciso e fuori dalle coordinate che dovrebbero essere seguite quando si parla di un farmaco e che sono state sottolineate, anche recentemente, dall’AIFA” – queste le affermazioni di Antonino Di Pietro nel leggere il comunicato stampa in occasione della presentazione del 14° congresso internazionale di medicina Estetica che si aprirà nei prossimi giorni a Milano. “Una comunicazione scorretta che fa ancora riferimento […]

    Leggi il seguito →
  • News L’illusione del Botox

    L’illusione del Botox

    Da qualche anno la tossina botulinica viene utilizzata anche per trattare cefalee ed emicranie: una terapia nata quasi per caso, quando si è visto che i pazienti che si sottoponevano a iniezioni di botox per ragioni estetiche erano meno soggetti a mal di testa. A conti fatti però si tratta di un vantaggio molto limitato.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Brani dal libro “Botulin Free”

    Brani dal libro “Botulin Free”

    Mi sono chiesto quale forza mi stesse trascinando a scrivere un libro così scomodo, capace di attirarmi antipatie tanto nella comunità medica quanto in quella farmaceutica.

    Ho trovato molte motivazioni di natura etica e professionale, ma quella più pressante è stata il disagio che negli ultimi anni vivo nel mio ruolo di medico: non riesco più a rassegnarmi al silenzio.

    Leggi il seguito →