Cronologia ed Eventi


English Version

 

Anni ’50 – si scopre che la tossina botulinica può ridurre gli spasmi muscolari

Anni ’60 e 70 – studi sul trattamento dello strabismo

1989 – Allergan introduce il Botox , approvato dall’FDA, per il trattamento del blefarospasmo e strabismo

2000 – FDA approva il Botox per il trattamento della distonia cervicale

15 aprile 2002 – FDA approva l’ uso cosmetico del Botox, per le rughe glabellari, dopo uno studio che ha coinvolto 405 pazienti (altri 132 sono stati trattati con placebo, per un totale di 537).

Feb. 2003 – Irena Medavoy fa causa all’Allergan e al dr. Arnold Klein per le reazioni avverse subite a causa delle iniezioni di Botox (per problemi muscolari). Il verdetto assolve Allergan.

Dal 2003 al 2010 consumatori di botox (cosmetico e non) scambiano su forum di varia natura informazioni sulle proprie esperienze con il Botox in relazione agli effetti avversi (vedi all. A, forum)

2004 – FDA approva il Botox per sudorazione eccessiva (iperidrosi)

23 gennaio 2008segnalazione fatta da Public Citizen, associazione che riunisce oltre 100 mila consumatori americani, in cui si elencavano le vicende di effetti avversi ricevute dalla FDA fra il 1 novembre 1997 e il 31 dicembre 2006: 180 gravi effetti collaterali e 16 decessi (Vedi all. B, segnalazione).

2 aprile 2008 – The Journal of Neuroscience pubblica l’articolo del dott. Matteo Caleo, Istituto di Neuroscienze del CNR di Pisa, sulla migrazione della tossina botulinica e la possibile modifica dei circuiti neuronali.

2008 – FDA richiama Allergan e chiede di inserire chiari avvisi sugli effetti avversi nel foglio illustrativo del Botox. Questa decisione della FDA giunge mesi dopo la segnalazione di Public Citizen, ma per FDA i casi sarebbero ancora di più: al 20 marzo 2008 le segnalazioni sarebbero 225.

2008 – Health Canada divulga un avviso sui potenziali rischi del Botox e Allergan è costretta a comunicare all’Ente ulteriori informazioni sul Botox e Botox Cosmetic

8 febbraio 2009 – la FDA ordina a tutti i produttori della tossina botulinica di aggiungere nelle avvertenze un riquadro evidenziato per segnalare il rischio di effetti avversi della tossina dovuti alla sua migrazione dal sito di iniezione. Questo tipo di riquadri, nel linguaggio della FDA, è riservato ai farmaci noti per aver gravi effetti collaterali che costituiscono una minaccia per la vita dei pazienti. La FDA ha preannunciato anche che invierà una lettera ai produttori della tossina botulinica iniettabile, invitandoli ad avvertire per iscritto i medici utilizzatori e a produrre una guida del farmaco da distribuire ai pazienti al momento dell’iniezione.

Sett. 2009 – Dr. Ivan Goldsmith promuove una class action contro Allergan per le modalità suggerite dalla casa farmaceutica ai medici nell’uso del Botox: promozione dell’uso “off-label”, dosaggi superiori a quelli consentiti, riutilizzo della stessa confezione per diversi pazienti che potrebbe portare alla trasmissione dell’HIV e numerosi altri problemi.

Marzo 2010 – Allergan vince la causa contro genitori di una bimba che soffriva di paralisi cerebrale infantile, il cui decesso era stato ritenuto collegato alla terapia con il Botox (iniezioni per rilassare gli arti) nel 2007.

14 maggio 2010 – Maxi-condanna di risarcimento negli Stati Uniti per la Allergan. Per la prima volta una giuria ha riconosciuto i rischi e i danni derivanti dalle iniezioni di botulino per appianare le rughe, riconoscendo a una donna di 47 anni un risarcimento record di 15 milioni di dollari. Sharla Helton, medico ginecologo, ha denunciato di aver sofferto per anni, dopo le iniezioni di Botox nel 2006 , di visione doppia, dolori continui in braccia, mani e piedi, oltre a difficoltà di respirazione. Fino ad ammalarsi seriamente e a perdere il lavoro. Una Giuria in Oklahoma ha condannato l’Allergan al pagamento di 15 milioni di dollari alla Helton, per danni derivanti da comportamento negligente nel non aver riportato sulla confezione del farmaco l’elenco completo dei possibili effetti collaterali.

Luglio 2010 – La Gran Bretagna autorizza l’uso del Botox Cosmetics per la cura dell’emicrania

3 sett. 2010 – L’azienda produttrice del botox, l’Allergan, pagherà una maxi multa al governo americano pari a 600 milioni di dollari per aver promosso l’uso improprio del medicinale tra il 2000 e il 2005. (Vedi all. G)

20 sett. 2010 – Allergan chiude, con una transazione stragiudiziale, la causa pendente relativa alla morte di Sondra Bryant, una donna che morì dopo aver ricevuto iniezioni di Botox (100 unità)per curare dolori alla spalla.

6 ott. 2010 – Il tribunale, Corte Distrettuale di Atlanta, Georgia, approva la transazione Allergan/Dipartimento di Giustizia Americano, relativa all’indagine sul Botox. I termini della transazione includono un’ammissione di colpa da parte dell’Allergan, una sanzione penale di 375 milioni di dollari e un accordo in sede civile con il governo federale di 225 milioni di dollari. L’aspetto civile della transazione contiene l’ammissione che tra le pratiche di commercializzazione off-label vi fosse anche l’insegnamento ai medici su come falsificare le richieste di risarcimento per ingannare il governo e poter sovvenzionare l’uso del Botox per applicazioni non autorizzate.

L’azienda produttrice del famoso botox pagherà una maxi multa al governo americano pari a 600 milioni di dollari per aver promosso l’uso improprio del medicinale tra il 2000 e il 2005. La Allergan – società che produce e commercializza il famoso prodotto capace una volta iniettato di “paralizzare” le rughe – ha ammesso di aver condotto campagne promozionali per la vendita e l’utilizzo del botox per una serie di disturbi per i quali non era mai stato approvato dalla Food and drug administration (Fda). Tra gli usi impropri più comuni sponsorizzati – e, secondo gli esperti di salute pubblica, più pericoloso – figura quello per combattere gli spasmi causati dalla paralisi cerebrale infantile. A questo riguardo proprio la Fda ha ricevuto una serie di segnalazioni di seri effetti collaterali sofferti dai bambini sui quali era stato usato: da difficoltà respiratorie sino a sospetti decessi.

La causa contro la Allergan è l’ultimo esempio della campagna montata dal dipartimento della Giustizia Usa per stroncare le promozioni illegali e fraudolente di medicinali da parte delle case farmaceutiche. Nell’azione legale intentata dal governo la Allergan è accusata di «aver vigorosamente promosso l’uso di botox per trattamenti non dichiarati sicuri per la salute dalla Fda», di aver pagato sottobanco i medici perché prescrivessero il botox per questi usi, di aver dato mazzette a funzionari esteri per operazioni di marketing simili oltreoceano. L’azienda ha ammesso solo un paio di reati minori, ma ha accettato di pagare un rimborso pari a 600 milioni di dollari e di pubblicare i nomi dei medici che ricevono denaro dall’azienda.

Ott. 2010 – FDA approva il Botox per la cura di problemi muscolari, spasticità degli arti superiori e come rimedio contro l’emicrania cronica.

FONTI:

www.jneurosci.org/cgi/content/short/28/14/3689

http://www.huffingtonpost.com/2010/09/02/allergan-botox-settlement_n_702987.html

http://www.huffingtonpost.com/2010/10/05/botox-marketing-settlement-approved-600-million_n_751848.html

www.botoxmedical.com/BotoxHistory.aspx

www.allergan.com/assets/pdf/botox_history_and_development.pdf

www.jneurosci.org/cgi/content/short/28/14/3689

http://www.consumeraffairs.com/news04/2008/02/fda_botox.html#ixzz14Jg07nOI

www.botoxinjury.com

www.cosmeticenhancementsforum.com

Altre news

  • News Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Botulismo: scoperto come entra in circolo la tossina

    Scoperta la strategia attraverso la quale la tossina batterica che causa il botulismo entra in circolo dopo essere stata assorbita dalla mucosa intestinale. Lo ha annunciato un nuovo studio della Irvine School of Medicine dell’Università della California.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Donne “Botox-immuni”: l’uso eccessivo del farmaco sta mutando il corpo delle donne

    Come molte altre donne, Frankie Waring era convinta che avrebbe potuto contare sul Botox per tenere le rughe a bada. Per questo motivo, quando all’età di 24 anni, la giovane ha iniziato ad avere le prime rughe tra fronte e sopracciglia – come conseguenza, secondo i suoi sospetti, dell’esposizione della pelle agli elementi durante la passeggiate a cavallo – Frankie non ha avuto alcuna esitazione.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Botulino rende depresse per l’impossibilità di sorridere

    Il botulino è uno dei farmaci più utilizzati dalla medicina estetica per la riduzione delle rughe e delle linee del viso. Le donne che si sottopongono a iniezioni regolari della tossina botulinica per eliminare i segni del tempo sarebbero più inclini a cadere in depressione, e ciò sarebbe dovuto all’impossibilità di poter sorridere correttamente. Il trattamento infatti, inibisce temporaneamente alcuni muscoli del viso, interrompendo i segnali inviati al cervello quando ci sentiamo felici e vogliamo sorridere. Queste sono le conclusioni […]

    Leggi il seguito →
  • News Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Il Massachusetts approva l’utilizzo del Botox da parte dei dentisti

    Di Kelly Soderlund, ADA News Boston – I dentisti del Massachusetts possono somministrare Botox e filler ai pazienti come parte del loro trattamento odontoiatrico, a seguito di una nuova politica di regolamentazione dello stato. Il Consiglio di Registrazione in Odontoiatria del Massachusetts ha approvato la politica all’unanimità il 6 marzo, unendosi ad almeno altri 20 stati che hanno affrontato la questione della somministrazione da parte di dentisti della tossina botulinica, il nome clinico per ciò che è comunemente noto come […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Il botox blocca il viso e il sorriso. E così ci sentiamo più depressi

    Lo studio dell’Università di Cardiff. Le punturine ‘surgelano’ i muscoli della faccia e impediscono i movimenti spontanei. In questo modo ‘tagliano’ quei segnali che arrivano al cervello quando ridiamo e ci sentiamo più felici. Una scoperta che non piacerà alle star di Hollywood botulino-dipendenti CONTRORDINE anche se regala  l’illusione di essere più giovani e belli, il botox potrebbe farci deprimere. Le signore che scelgono le famose iniezioni per sbarazzarsi di qualche rughetta hanno più possibilità di ammalarsi di depressione. Il […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    Comunicazione AIFA ed EMA sui rischi dell’uso off-label di NeuroBloc, la tossina botulinica di tipo B

    L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) a febbraio hanno diffuso una comunicazione relativa ai rischi associati all’uso off-label di NeuroBloc (la tossina botulinica di tipo B).

    In sintesi la nota informativa avvisa che NeuroBloc (tossina botulinica di tipoB) è indicato esclusivamente per il trattamento della distonia cervicale (torcicollo) negli adulti.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Allergan chiude un caso di somministrazione di Botox in Oklahoma

    Di Margaret Cronin Fisk – February 26, 2013 02:56 ET Allergan Inc. (AGN) ha raggiunto durante il processo un accordo confidenziale con la madre di un bambino di 6 anni dell’Oklahoma che respira grazie ad un respiratore artificale dopo che gli è stato iniettato del Botox. La madre di Jackson Wells ha dichiarato che l’iniezione, effettuata per il trattamento della spasticità nelle gambe, ha causato lo sviluppo del botulismo acuto, rendendolo incapace di respirare da solo. Jessica Wells ha anche […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Dermatologi: Tossina Botulinica, allarme caduta capelli

    Il problema della calvizie è in costante aumento, a dimostrarlo il crescente ricorso a trattamenti anti caduta e la sempre maggior richiesta di trapianti. Si è lungamente parlato di diverse cause che portano alla perdita di capelli: ereditarietà, carenze alimentari, stress, problemi ormonali o medicinali, infezioni, ma sinora pochi hanno puntato il dito sull’impiego del botox.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Che bella quella ruga

    Che bella quella ruga

    La bellezza non è un viso liscio e senza rughe a tutti i costi. Il più grande errore è proprio quello di pensare a un’immagine della bellezza standard e uniforme, di pensare che un viso a 50-60 armi debba essere come quello di 20-30 anni. Perché ogni età può e deve avere una sua bellezza. E questo è possibile se impariamo a scoprire e valorizzare le caratteristiche e i segni che appartengono a ogni età della nostra vita.

    Leggi il seguito →
  • News Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Il Prof. Antonino di Pietro presenta il suo libro “Botulin Free”

    Milano, 14 novembre 2012 – Nell’ambito della manifestazione BookCity Milano, in programma nel capoluogo lombardo dal 16 al 18 novembre, sabato 17, alle ore 11, presso l’Università Statale Ca’ Granda – Aula Milani in via Festa del Perdono 7, il Prof. Antonino di Pietro, dermatologo e presidente fondatore di ISPLAD, presenterà il suo libro “Botulin Free – Tutta la verità sulle iniezioni antirughe: come restare giovani senza rischiare bellezza e salute” edito da Sperling & Kupfer.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    Discesa al terzo posto la richiesta di botulino antirughe

    In un recente congresso di Medicina Estetica, svoltosi a Milano, sono stati riportati i dati di una indagine fatta sulle terapie antiaging più richieste nell’ultimo anno e, a sorpresa, risulta che il botulino (iniettato come antirughe) è sceso dal primo al terzo posto nelle preferenze degli italiani.

    Leggi il seguito →
  • News Botox e Insonnia

    Botox e Insonnia

    Uno studio mondiale sull’Insonnia tra le persone che utilizzano il Botox. Lo studio è stato condotto da eHealthMe ed è basato su 126 report dell’FDA e di persone.  In totale sono stati esaminati 12.604 utilizzatori del Botox. Su eHealthMe, è possibile verificare 40 milioni di effetti collaterali, interazioni farmacologiche,riportati da 6 milioni di persone dal 1977. Tutti gli studi sono personalizzati per sesso ed età e per effetti del farmaco a lungo termine. Che cosa è il Botox Il Botox […]

    Leggi il seguito →
  • In evidenza SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    SALUTE. Di Pietro: “E’ grave, ancora una volta, una comunicazione scorretta sulla tossina botulinica”

    Milano, 15 ottobre 2012 – “Ancora una volta devo constatare che si parla della tossina botulinica in modo impreciso e fuori dalle coordinate che dovrebbero essere seguite quando si parla di un farmaco e che sono state sottolineate, anche recentemente, dall’AIFA” – queste le affermazioni di Antonino Di Pietro nel leggere il comunicato stampa in occasione della presentazione del 14° congresso internazionale di medicina Estetica che si aprirà nei prossimi giorni a Milano. “Una comunicazione scorretta che fa ancora riferimento […]

    Leggi il seguito →
  • News L’illusione del Botox

    L’illusione del Botox

    Da qualche anno la tossina botulinica viene utilizzata anche per trattare cefalee ed emicranie: una terapia nata quasi per caso, quando si è visto che i pazienti che si sottoponevano a iniezioni di botox per ragioni estetiche erano meno soggetti a mal di testa. A conti fatti però si tratta di un vantaggio molto limitato.

    Leggi il seguito →
  • In evidenza Brani dal libro “Botulin Free”

    Brani dal libro “Botulin Free”

    Mi sono chiesto quale forza mi stesse trascinando a scrivere un libro così scomodo, capace di attirarmi antipatie tanto nella comunità medica quanto in quella farmaceutica.

    Ho trovato molte motivazioni di natura etica e professionale, ma quella più pressante è stata il disagio che negli ultimi anni vivo nel mio ruolo di medico: non riesco più a rassegnarmi al silenzio.

    Leggi il seguito →